• Abruzzoweb sponsor

LEGA: ''ATTENDIAMO APPROVAZIONE IN SENATO''. QUESTA MATTINA PROTESTA DEL DIRETTORE CONFCOMMERCIO CELSO CIONI CHE SI E' CALATO DAL BALCONE PER CHIEDERE AL GOVERNO DI RISPETTARE le promesse

TASSE L'AQUILA: D'ERAMO, ''OK DEL GOVERNO ALLA PROROGA, IMPEGNO MANTENUTO''

Pubblicazione: 31 maggio 2019 alle ore 12:36

L'AQUILA - "È arrivato ieri il via libera da parte del Governo per la proroga del pagamento delle tasse del sisma 2009". 

Ad annunciarlo in un comunicato congiunto il senatore Paolo Arrigoni e l’onorevole Luigi D’Eramo, entrambri della Lega. 

Una notizie che arriva dopo la clamorosa protesta di questa mattina da parte del direttore abruzzese di Confcommercio, che si è calato con una corda dal balcone di casa proprio a causa della mancata proroga della restituzione delle tasse ridotte e sospese dopo il sisma 2009, che  l'Unione Europea considera aiuti di Stato. Una partita da 100 milioni che avrebbe effetti devastanti sull'economia cittadina.

Cioni non si è lasciato sfuggire invettive non troppo velate contro i rappresentanti politici locali, tra i quali proprio il leghista D'Eramo: "Amici della politica vergognatevi e trovate una soluzione, altrimenti armiamo una rivoluzione come negli anni '70".

Ma i due parlamentari leghisti spiegano come la questione sia  superata in Commissione Bilancio al Senato: "il parere sull'emendamento è ora positivo ed il pagamento verrà prorogato al 31 dicembre 2019. Ora attendiamo l’approvazione da parte dell’aula del Senato". 

"Ancora una volta - conclude D’Eramo - la Lega conferma i propri impegni, preferendo lavorare per risolvere i problemi, piuttosto che limitarsi ai proclami sulla stampa".

La questione è sul tappeto da anni e le cartelle esattoriali sono state “neutralizzate” con una serie di proroghe da parte dei governi precedenti e dell’attuale, l’ultima scade a fine giugno.

Inizialmente, erano circa 350 le imprese e le partite coinvolte, ora dopo l’attuazione del ‘de minimis’ di 200mila euro, cioè l’esclusione degli imrenditori che dovevano pagare fino a 200mila euro, la platea si è ridotta a 124 imprese per pagamenti complessivi pari a 78 milioni di euro che con interessi e sanzioni diventano circa 100.

“Se va a finire male - aveva detto questa mattina Cioni-, assisteremo a fallimenti e licenziamenti, non capisco come si trovino miliardi di euro e non si individuino 78 milioni di euro per dare tranquillità a un territorio martoriato che è alla ricerca del rilancio e che potrebbe tornare a crescere con assunzioni e nuovi investimenti senza questa corda appesa al collo. Faccio appello al presidente del Consiglio e ai presidenti delle due Camere per una soluzione definitiva, vasta con le proroghe che ripropongono il problema tra sei mesi, un problema ascribile ad un euroburofollia”.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

ARTICOLI CORRELATI:

TASSE L'AQUILA: PROTESTA DI CIONI: ''SOLUZIONE POLITICA O ARMIAMO RIVOLUZIONE''

L'AQUILA - "Abbiamo la sola colpa di essere nati in questo territorio che da 10 anni è costretto a confrontarsi con questa dura realtà e per premio i nostri euroburocrati ci hanno fatto questo bel regalo:... (continua) - VIDEO  

TASSE L'AQUILA: CELSO CIONI SOSPESO NEL VUOTO DAL BALCONE DI CASA PER PROTESTA

L'AQUILA - Clamorosa protesta questa mattina alle 7, da parte Celso Cioni, direttore abruzzese di Confcommercio, che si è appeso dal balcone di casa sua a L'Aquila, imbragato ad una corda. Motivo del clamoroso gesto, la mancata... (continua) - VIDEO  

ALTRE NOTIZIE

 CONTATTA LA REDAZIONE 2003- 2019 Enfasi srl
INFORMAZIONI COMMERCIALI .
Enfasi srl - Quotidiano digitale registrato presso il Tribunale dell'Aquila con decreto n°501 del 2 settembre 2003
Iscrizione al ROC n. 26362 - P.IVA 01812420667
Direttore responsabile Berardo Santilli

La redazione può essere contattata al


Politica d'uso dei Cookies su AbruzzoWeb

Alcune foto potrebbero essere prese dal Web e ritenute di dominio pubblico; i proprietari contrari alla pubblicazione potranno segnalarcelo contattando la redazione.
Powered by Digital Communication  -  Developed by MA-NO
 
X

Questo sito utilizza dei cookie per monitorare e personalizzare l'esperienza di navigazione degli utenti. Continuando a navigare si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito.
Per avere più informazioni o modificare le impostazioni sui cookie clicca qui