• Abruzzoweb sponsor

STORIA DONNA ABRUZZESE POSITIVA AL COVID DA 4 MESI DIVENTA CASO NAZIONALE

Pubblicazione: 14 luglio 2020 alle ore 10:21

COLONNELLA - La drammatica storia di Nada Cava - la 50enne di Colonnella positiva al Covid-19, da più di 120 giorni e che per questo rischia di perdere il lavoro - è diventata un caso nazionale. 

Ieri - come riporta Il Messaggero - la donna è stata intervista dal Tg1. 

"Purtroppo mi è di nuovo tornata la febbre. Sono davvero disperata. Non so più come fare per liberarmi di questo maledetto virus. Dopo 13 tamponi positivi, ieri ho fatto il quattordicesimo. Se il risultato fosse lo stesso la mia dottoressa mi ha detto che mi farà ricoverare al nuovo Covid Hospital di Pescara - dice la donna- Qualcosa devono fare, una cura me la devono dare per aiutarmi a sconfiggere questo maledetto virus. Quando sento le interviste in televisione di gente che pensa che questa malattia sia una bufala, che non è nulla di grave, li farei stare una settimana al mio posto. Poi vorrei sapere cosa hanno da dire".

"Dopo tutti questi guai conclude mi auguro solo che il mio datore di lavoro non mi licenzi. A 50 anni un'altra occupazione come a trovo?".



© RIPRODUZIONE RISERVATA


ALTRE NOTIZIE

 CONTATTA LA REDAZIONE 2003- 2020 Enfasi srl
INFORMAZIONI COMMERCIALI .
Enfasi srl - Quotidiano digitale registrato presso il Tribunale dell'Aquila con decreto n°501 del 2 settembre 2003
Iscrizione al ROC n. 26362 - P.IVA 01812420667
Direttore responsabile Berardo Santilli

La redazione può essere contattata al


Politica d'uso dei Cookies su AbruzzoWeb

Alcune foto potrebbero essere prese dal Web e ritenute di dominio pubblico; i proprietari contrari alla pubblicazione potranno segnalarcelo contattando la redazione.
Powered by Digital Communication  -  Developed by MA-NO
 
X

Questo sito utilizza dei cookie per monitorare e personalizzare l'esperienza di navigazione degli utenti. Continuando a navigare si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito.
Per avere più informazioni o modificare le impostazioni sui cookie clicca qui