• Abruzzoweb sponsor

SISMA 2009: QUASI 300 MLN DA APPROVARE,
IL PUNTO SULLA RICOSTRUZIONE A TERAMO

Pubblicazione: 16 dicembre 2019 alle ore 09:19

TERAMO – Ammontano a 278 milioni i contributi da approvare per 1.267 abitazioni che rientrano nei 121 comuni del "fuori cratere", mentre l’importo delle domande ancora da presentare per i 56 comuni del cratere è pari a 2,4 miliardi.

È la fotografia che emerge dagli incontri con l’Ufficio Speciale di Fossa (L'Aquila) che si sono tenuti nella sede dell’Ance (Associazione nazionale costruttori edili) di Teramo, a cui hanno partecipato oltre 100 tecnici e numerose imprese, tutti impegnati nella Ricostruzione 2009.

Il responsabile dell’Ufficio, Raffaello Fico, unitamente a numerosi tecnici della Struttura dell’Ufficio Speciale, ha illustrato lo stato della Ricostruzione e si è confrontato con i tanti operatori sulla procedura del sisma di 10 anni fa, sulle difficoltà maggiormente ricorrenti e sui temi connessi alla sovrapposizione dei danni derivanti dal sisma 2016. 

Oltre a L’Aquila, dotata di un proprio Ufficio Speciale, i comuni coinvolti nel sisma 2009 sono complessivamente 167, di cui 56 fanno parte del cratere sismico, per una popolazione complessiva di circa 80.000 unità e 7.400 chilometri quadrati di estensione. L’ufficio Speciale di Fossa conta oggi circa 90 unità di personale di cui 65 tecnici.

Il costo stimato per la ricostruzione nei 56 comuni del cratere è di circa 5 miliardi per un totale di 17.792 abitazioni danneggiate. 1,6 miliardi è il valore dei contributi approvati dall’Ufficio Speciale, un miliardo le domande di contributo presentate e 2,4 miliardi l’importo delle domande da presentare.

Nei 121 comuni del fuori cratere il costo stimato della ricostruzione è di circa 700 milioni, di cui 422 sono i contributi approvati per 4.322 abitazioni e 278 i contributi da approvare per 1.267 abitazioni. La popolazione assistita tra contributo di autonoma sistemazione, moduli abitativi provvisori e affitto concordato è di circa 6.200 unità.

“Il confronto con i tecnici è stato molto proficuo - ha dichiarato - Pur nell’ambito di una normativa complessa, ho ricordato la necessità di incrementare gli sforzi per presentare rapidamente i progetti mancanti ed aprire i cantieri. Visto il successo dell’iniziativa continueremo nei prossimi mesi con incontri mirati a monitorare le difficoltà e l’efficacia della risposta alle sollecitazioni da parte degli Uffici”.

Il presidente dell'Ance di Teramo, Ezio Iervelli, ha assicurato il massimo supporto dell’Associazione ad ogni attività funzionale a migliorare i processi di ricostruzione.



© RIPRODUZIONE RISERVATA


ALTRE NOTIZIE

 CONTATTA LA REDAZIONE 2003- 2020 Enfasi srl
INFORMAZIONI COMMERCIALI .
Enfasi srl - Quotidiano digitale registrato presso il Tribunale dell'Aquila con decreto n°501 del 2 settembre 2003
Iscrizione al ROC n. 26362 - P.IVA 01812420667
Direttore responsabile Berardo Santilli

La redazione può essere contattata al


Politica d'uso dei Cookies su AbruzzoWeb

Alcune foto potrebbero essere prese dal Web e ritenute di dominio pubblico; i proprietari contrari alla pubblicazione potranno segnalarcelo contattando la redazione.
Powered by Digital Communication  -  Developed by MA-NO
 
X

Questo sito utilizza dei cookie per monitorare e personalizzare l'esperienza di navigazione degli utenti. Continuando a navigare si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito.
Per avere più informazioni o modificare le impostazioni sui cookie clicca qui