• Abruzzoweb sponsor

L'AQUILA: L'ULTIMO SALUTO A LUCA MORO, LA DOLCE E STRAZIANTE LETTERA DELLA MOGLIE, ''TI AMO BRU''

Pubblicazione: 11 luglio 2020 alle ore 12:42

foto dal web

L'AQUILA - In tantissimi hanno voluto salutare per l'ultima volta il giovane Luca Moro, il 38enne morto in un incidente avvenuto all'interno della pineta di Monteluco, nella frazione aquilana di Roio, mentra era in sella alla sua bici da trail.

Ieri pomeriggio si sono svolti i funerali a San Bernardino. 

L'uomo, ex difensore dell'Oratoriana, già capitano per un decennio della squadra dei Salesiani, lavorava come funzionario amministrativo contabile del Provveditorato interregionale Lazio-Abruzzo-Sardegna, era molto amato e stimato in città.

Sono stati gli amici a chiamare immediatamente i soccorsi: Sul posto sono intervenuti i vigili del fuoco, la polizia e il 118, ma per il 38enne non c'è stato nulla da fare.

Fatali i traumi cervicali, la morte è arrivata sul colpo nonostante tutti i dispositivi di sicurezza indossati, casco compreso.

Moro lascia la moglie Roberta, che lavora in ambito sanitario come medico, e due figli piccoli. 

Proprio la donna ha dedicato al marito una lettera straziante, un'ultima dolce e allo stesso tempo dolorosa dedica d'amore.

LA LETTERA 

Bru mio, Cuore mio, Vita mia! La nostra ultima lettera.

Ci siamo incontrati dieci anni fa perchè dovevamo incontrarci, non c’è altra spiegazione. La storia di un film, tu sai quanto mi piace raccontare come ci siamo conosciuti… Febbraio 2010, noi che cercavamo una casa per tornare a L’Aquila e tu che stavi andando via da lavoro ed eri lì solo per caso, solo perché un cliente ti aveva trattenuto, “Non so se potete far riferimento a qualcuno ma se volete mia madre affitta la mansarda”. 

E così fu.

Nonna Lidia ci fece conoscere meglio e da allora ogni volta che tornavo a casa speravo di incontrarti per le scale. Fino a qualche battuta, una serata tra amici, i primi sguardi, tu seduto alla finestra della mansarda (ti vedo ancora nitidamente seduto lì) e finalmente il primo bacio! 28 luglio 2011. I primi incontri segreti, le notti insieme su da me e la sveglia presto per sgattaiolare giù convinti come due scemi che nessuno si fosse accorto di nulla. Da lì non ci siamo mai fermati, non abbiamo mai fatto un passo indietro. Quando si dice “Ti Amo ogni giorno di più!”, quello è stato il nostro Amore, perchè io Ti Amo Bru, Ti Amo da impazzire e per questo oggi sono straziata dal dolore. Straconvinti che saremo invecchiati insieme mano nella mano e avremo lasciato questa vita uno dopo l’altra perchè dipendenti l’uno dall’altra. Tommaso che ci ha legati per sempre, il Matrimonio che ha sancito la nostra unione e Cecilia che ha reso perfetta la nostra famiglia. Io sono tua Moglie! Sono la moglie di Luca Moro! Lui ha scelto e voluto proprio me! Che orgoglio che è per me.

Quanto sei Bru, quanto eravamo insieme.. ma forse eravamo troppo, la nostra vita era troppo perfetta: un Amore immenso, due figli meravigliosi, entrambi con il lavoro che volevamo fare finalmente a due passi da casa, due famiglie solide alle spalle, un gruppo di amici unito e compatto pieno di bambini.. era troppo e tanta felicità evidentemente non poteva durare per sempre. Tu, tu eri troppo Bru! Bello, buono, onesto, sincero, altruista, generoso, colto e con un sorriso splendido… e forse eri troppo per vivere troppo a lungo. Ma una cosa è certa, non meritavi una morte così ingiusta, così fatalista. In cuor mio spero vivamente che tu non ti sia reso conto che era arrivata la fine, saresti impazzito di dolore. Se tu solo avessi immaginato, MAI ci avresti lasciato. Quanto vuoto, quanta incredulità, quanta disperazione nel cuore di chi ti ha conosciuto!

Questi 9 anni di Amore che la Vita ci ha concesso sono e saranno gli anni più belli della mia vita intera. Mi hai fatto conoscere il Vero Amore, non posso chiedere di più.

La rabbia oggi è infinita, per quanto ci è stato tolto, per quanto ancora dovevamo fare e condividere, ma soprattutto per quanto dovevi ancora essere per Tom e Ceci.

Amore mio, mi hai fatto sentire sempre amata e bella, protetta e al sicuro. Perdonami per le volte che non ti ho detto Ti Amo o non ti ho dato un bacio distratta dal lavoro e dalla quotidianità, Tu non hai mai mancato e mi rimproveravi quando non ti dimostravo il mio amore… se solo avessimo saputo Bru cosa ci aspettava!!!

Per fortuna questo mondo ha Tommaso e Cecilia come tua eredità. Una persona unica come te non poteva volar via così senza lasciare un segno. IO TI AMERÒ PER SEMPRE!

Ti scrivo queste parole qui perchè in chiesa oggi non potrò leggerle, perdonami.

Ti lascio una delle nostre canzoni, Vorrei di Francesco Guccini, purtroppo non sentirò più la tua voce che me la canta mentre sono poggiata sul tuo petto.



© RIPRODUZIONE RISERVATA


ALTRE NOTIZIE

 CONTATTA LA REDAZIONE 2003- 2020 Enfasi srl
INFORMAZIONI COMMERCIALI .
Enfasi srl - Quotidiano digitale registrato presso il Tribunale dell'Aquila con decreto n°501 del 2 settembre 2003
Iscrizione al ROC n. 26362 - P.IVA 01812420667
Direttore responsabile Berardo Santilli

La redazione può essere contattata al


Politica d'uso dei Cookies su AbruzzoWeb

Alcune foto potrebbero essere prese dal Web e ritenute di dominio pubblico; i proprietari contrari alla pubblicazione potranno segnalarcelo contattando la redazione.
Powered by Digital Communication  -  Developed by MA-NO
 
X

Questo sito utilizza dei cookie per monitorare e personalizzare l'esperienza di navigazione degli utenti. Continuando a navigare si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito.
Per avere più informazioni o modificare le impostazioni sui cookie clicca qui