• Abruzzoweb sponsor

L'AQUILA: CUCCIOLI MALTRATTATI, INDIVIDUATO COLPEVOLE, ''DEVE PAGARE''

Pubblicazione: 18 ottobre 2019 alle ore 09:14

L'AQUILA - Hanno destato particolare sconcerto le condizioni agghiaccianti in cui sono stati ritrovati sei cuccioli di pastore abruzzese, nella frazione aquilana di Roio, segregati all'interno di una gabbietta e costretti per giorni a sopravvivere senza cibo né acqua, ricoperti da escrementi.

A salvarli, anche se le loro condizioni restano gravissime, è stato il tempestivo intervento di due volontarie che hanno allertato i carabinieri, subito intervenuti insieme allla Asl veterinaria.

I cuccioli ora si trovano al canile ma, intanto, sembra che il colpevole sia stato individuato, e si tratterebbe di un uomo già noto per le crudeli condizioni con cui è solito maltrattare i cani, i pastori abruzzesi le sue "vittime preferite".

"A breve - spiegano le volontarie - organizzeremo una petizione affinché il colpevole di questo reato sia perseguito e gli vengano sequestrati come minimo gli animali. E anche perché il direttore della Asl veterinaria organizzi controlli periodici: pastori e cacciatori sono il flagello dei cani e la principale causa del randagismo".



© RIPRODUZIONE RISERVATA

ARTICOLI CORRELATI:

L'AQUILA: SEI CUCCIOLI DI PASTORE ABRUZZESE SEGREGATI IN UNA GABBIA PER GIORNI

L'AQUILA - Sei cuccioli di pastore abruzzese rinchiusi da giorni in una gabbia di ferro, abbandonata in un ovile tra la frazione aquilana di Roio e la strada che conduce a Lucoli. A denunciare il grave episodio... (continua)

ALTRE NOTIZIE

 CONTATTA LA REDAZIONE 2003- 2019 Enfasi srl
INFORMAZIONI COMMERCIALI .
Enfasi srl - Quotidiano digitale registrato presso il Tribunale dell'Aquila con decreto n°501 del 2 settembre 2003
Iscrizione al ROC n. 26362 - P.IVA 01812420667
Direttore responsabile Berardo Santilli

La redazione può essere contattata al


Politica d'uso dei Cookies su AbruzzoWeb

Alcune foto potrebbero essere prese dal Web e ritenute di dominio pubblico; i proprietari contrari alla pubblicazione potranno segnalarcelo contattando la redazione.
Powered by Digital Communication  -  Developed by MA-NO
 
X

Questo sito utilizza dei cookie per monitorare e personalizzare l'esperienza di navigazione degli utenti. Continuando a navigare si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito.
Per avere più informazioni o modificare le impostazioni sui cookie clicca qui