• Abruzzoweb sponsor

L'AQUILA: ASBUC, ''CIMITERO SAN GREGORIO IN CONDIZIONI VERGOGNOSE''

Pubblicazione: 05 luglio 2020 alle ore 17:16

L'AQUILA - “Ancora una mortificazione per la comunità di San Gregorio: nel corso di uno dei pochi funerali che questa piccola comunità ha mestamente celebrato, si è potuto constatare che quel piccolo cimitero era ed è sommerso da erbacce, sterro e materiali edili di scarto in una quantità tale che causavano perfino impedimento nel deambulare a parenti e amici accorsi per stringersi al defunto nel suo ultimo viaggio!” 

A denuciare l’accaduto Fernando Galletti, presidente dell’Amministrazione Separata dei Beni di Uso Civico di Paganica e San Gregorio, in riferimento ad un funerale che si è svolto nei giorni scorsi nella frazione a est dell'Aquila. Galletti chiede a Pierluigi Biondi, sindaco dell'Aquila, comeptente per la manutenione del cimitero, di di concedere all'Amministrazione di Uso Civico la gestione.

“La tumulazione non è neanche avvenuta perché, a voce di popolo, sembra che la cooperativa che gestisce questo delicato servizio non aveva personale disponibile in loco - prosegue Galletti -. Quindi nei nostri cimiteri non si taglia l'erba, non si ripristina il suolo a seguito delle numerose riesumazioni lasciando sassi e vecchi laterizi affioranti in superficie, non si tumula, lasciando le salme dentro stanzette anguste e di pessimo gusto considerato il triste evento”. 

“Questa incresciosa situazione ci sprona a fare pubblica richiesta al. Sindaco del Comune di L'aquila di concedere all'Amministrazione di Uso Civico di Paganica e San Gregorio la gestione del piccolo cimitero di San Gregorio che, tra l'altro, insiste su suolo civico. Già in passato la nostra ASBUC ha provveduto a riqualificare gli spazi antistanti il cimitero che ormai era adibito a discarica abusiva, bonificando e trasformando quegli ambienti in comodi e decorosi parcheggi alberati e transennati. Il tutto viene ad oggi piacevolmente fruito dagli abitanti di San Gregorio che se ne prendono cura tagliando le erbacee, irrigando le piante ornamentali e le essenze selvatiche. Siamo certi che questa nostra richiesta che nasce, non a scopi polemici, bensì dalla convinzione che quando l'amministrazione comunale è in difficoltà, i singoli cittadini, come anche le associazioni e, in questo caso, la nostra ASBUC, possano intervenire rimboccandosi le maniche per tamponare tali incresciose situazioni”, conclude la nota. 



© RIPRODUZIONE RISERVATA


ALTRE NOTIZIE

 CONTATTA LA REDAZIONE 2003- 2020 Enfasi srl
INFORMAZIONI COMMERCIALI .
Enfasi srl - Quotidiano digitale registrato presso il Tribunale dell'Aquila con decreto n°501 del 2 settembre 2003
Iscrizione al ROC n. 26362 - P.IVA 01812420667
Direttore responsabile Berardo Santilli

La redazione può essere contattata al


Politica d'uso dei Cookies su AbruzzoWeb

Alcune foto potrebbero essere prese dal Web e ritenute di dominio pubblico; i proprietari contrari alla pubblicazione potranno segnalarcelo contattando la redazione.
Powered by Digital Communication  -  Developed by MA-NO
 
X

Questo sito utilizza dei cookie per monitorare e personalizzare l'esperienza di navigazione degli utenti. Continuando a navigare si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito.
Per avere più informazioni o modificare le impostazioni sui cookie clicca qui