• Abruzzoweb sponsor

FCA: ITALIA VIVA, ''SI A GARANZIA, NOI DALLA PARTE DEI LAVORATORI E AUTOMOTIVE''

Pubblicazione: 18 maggio 2020 alle ore 13:54

Camillo D'Alessandro

LANCIANO - “Difendiamo i lavoratori della Sevel, i lori stipendi, l’indotto automotive che in Abruzzo garantisce reddito ed occupazione a migliaia di famiglie, per questo diciamo si, con forza, alla garanzia dello Stato a FCA. Non si tratta di un finanziamento, ma di una garanzia che attiva un prestito ( che FCA dovrà restituire in 3 anni) che servirà a pagare innanzitutto gli stipendi ai lavoratori ed a garantire la liquidità necessaria per l’intero indotto, fatto di piccole PMI, che rischiano di non ripartire bloccando l’industria automobilistica in Italia ed in Abruzzo".

A prendere posizione sul maxi prestito a Fca, che produce autovetture nel polo industruale in provincia di Chieti è il deputato Camillo D’Alessandro, segretario regionale di Italia Viva. 

"Nessuno fiata sulle erogazioni miliardarie, non prestiti, dello Stato ad Alitalia, siamo al paradosso. Spero che il PD abruzzese spieghi al suo vice segretario Orlando di cosa si tratta in Abruzzo, che significherebbe per noi il venire meno del ruolo di FCA e del suo indotto nella nostra economia. Ormai siamo al “bufalifcio” quotidiano, che purtroppo pare risparmiare in pochi. Per essere chiari nessuno regala soldi a nessuno, FCA attiva un prestito con la banca e che dovrà restituire alla banca, per esigenze della filiera italiana. La sede legale non c'entra nulla. Chi dice il contrario mente. Punto". 



© RIPRODUZIONE RISERVATA


ALTRE NOTIZIE

 CONTATTA LA REDAZIONE 2003- 2020 Enfasi srl
INFORMAZIONI COMMERCIALI .
Enfasi srl - Quotidiano digitale registrato presso il Tribunale dell'Aquila con decreto n°501 del 2 settembre 2003
Iscrizione al ROC n. 26362 - P.IVA 01812420667
Direttore responsabile Berardo Santilli

La redazione può essere contattata al


Politica d'uso dei Cookies su AbruzzoWeb

Alcune foto potrebbero essere prese dal Web e ritenute di dominio pubblico; i proprietari contrari alla pubblicazione potranno segnalarcelo contattando la redazione.
Powered by Digital Communication  -  Developed by MA-NO
 
X

Questo sito utilizza dei cookie per monitorare e personalizzare l'esperienza di navigazione degli utenti. Continuando a navigare si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito.
Per avere più informazioni o modificare le impostazioni sui cookie clicca qui