• Abruzzoweb sponsor

ELEZIONI: PEZZOPANE, ''RAZZI ZIMBELLO D'ITALIA, CHIODI ALLUCINANTE''

Pubblicazione: 12 febbraio 2013 alle ore 14:09

Stefania Pezzopane

L'AQUILA - Antonio Razzi "zimbello d'Italia", Gianni Chiodi "personaggio allucinante".

Durissimi gli attacchi della capolista al Senato del Partito democratico Stefania Pezzopane contro il candidato del Popolo della libertà ex Italia dei valori, numero 4 alla Camera, e il presidente della Regione.

È l'ennesima puntata del caso scatenato da un post di Chiodi sulla rete sociale di Facebook: "Meglio Razzi della Pezzopane. Razzi ha fatto l'operaio per mantenere la propria famiglia, la Pezzopane, non so!". Ed è stato il caos.

"Gli abruzzesi sceglieranno e saranno loro a dire se sono meglio io o Antonio Razzi, lo zimbello dell'Italia, l'esempio deteriore della politica", tuona la Pezzopane.

"Io sono stata candidata - ricorda - dopo che ho stravinto le Primarie e le Comunali e ho dimostrato ogni giorno di farmi carico delle problematiche della gente".

"Chiodi è un personaggio allucinante, capisco il suo imbarazzo ma poteva risparmiarsi un'uscita così infelice, perché ora tutti sanno che ha in lista Razzi - contrattacca poi - A qualcuno magari era sfuggito, non è un buon messaggio nemmeno per gli elettori del Pdl".

Bordate anche per i due esponenti di Rivoluzione civile Alfonso Mascitelli e Carlo Costantini che in un evento all'Aquila hanno detto che il sindaco Massimo Cialente dopo il terremoto del 2009 "andava a cena con le cricche".

"Una boutade molto infelice - commenta la Pezzopane - Mascitelli è sempre stato a fianco dell'amministrazione, abbiamo assessori e consiglieri dell'Idv. È propaganda politica per acchiappare qualche voto in più". (alb.or.)

LA MAZZALI (GRANDE SUD): ''L'ALLUCINATA E' LEI''

"Trovo stucchevole cercare di colpire il presidente Gianni Chiodi, polemizzando circa le decisioni in ordine alla composizione delle liste del Pdl. Le attività di Chiodi sono istituzionali e, probabilmente, i risultati che la Regione sta ottenendo la infastidiscono. È la Pezzopane a essere 'allucinata' dalla sua stessa abitudine nel dir male a chiunque non la pensi come lei. Il ’68 è finito".

Lo afferma la capolista in Abruzzo alla Camera dei deputati di Grande Sud-Mpa, Barbara Mazzali, replicando alla polemica intervista della capolista al Senato del Partito democratico Stefania Pezzopane ai microfoni di AbruzzoWeb.

"Se l’elettorato di centrodestra non condivide le scelte fatte dal Pdl nel comporre le proprie liste, basta ricordare che è soltanto uno dei partiti che compone la coalizione", ricorda.

"L’elettorato di centrodestra stesso può certamente trovare alternative votando Grande Sud - prosegue la Mazzali - Sarebbe raggiunto il duplice scopo di inibire a personaggi livorosi e irrispettosi come la Pezzopane di vincere le elezioni e salvaguardare gli interessi degli Abruzzesi più che di un partito".

"Io non so se è meglio la Pezzopane o Razzi, sono certa è che è meglio Grande Sud", conclude.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

ARTICOLI CORRELATI:

ELEZIONI: MAZZALI (GRANDE SUD), ''PEZZOPANE LIVOROSA, ALLUCINATA E' LEI''

L'AQUILA - "Trovo stucchevole cercare di colpire il presidente Gianni Chiodi, polemizzando circa le decisioni in ordine alla composizione delle liste del Pdl. Le attività di Chiodi sono istituzionali e, probabilmente, i risultati che la Regione... (continua)

ALTRE NOTIZIE

 CONTATTA LA REDAZIONE 2003- 2020 Enfasi srl
INFORMAZIONI COMMERCIALI .
Enfasi srl - Quotidiano digitale registrato presso il Tribunale dell'Aquila con decreto n°501 del 2 settembre 2003
Iscrizione al ROC n. 26362 - P.IVA 01812420667
Direttore responsabile Berardo Santilli

La redazione può essere contattata al


Politica d'uso dei Cookies su AbruzzoWeb

Alcune foto potrebbero essere prese dal Web e ritenute di dominio pubblico; i proprietari contrari alla pubblicazione potranno segnalarcelo contattando la redazione.
Powered by Digital Communication  -  Developed by MA-NO
 
X

Questo sito utilizza dei cookie per monitorare e personalizzare l'esperienza di navigazione degli utenti. Continuando a navigare si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito.
Per avere più informazioni o modificare le impostazioni sui cookie clicca qui