• Abruzzoweb sponsor

CORONAVIRUS, VIDEOCONSULTO E CHAT: PORTALE WEB GRATUITO ANCHE PER MEDICI DI BASE

Pubblicazione: 31 marzo 2020 alle ore 12:23

MILANO – Mentre il Sistema Sanitario Nazionale è impegnato sul fronte dell’emergenza Coronavirus, non cessano ovviamente le esigenze di numerosi altri pazienti che necessitano del consulto degli specialisti per urgenze che esulano dal COVID-19.

Proprio per loro, Dottori.it, sito e app leader in Italia per la prenotazione di visite specialistiche, ha messo a disposizione una pagina online in cui ha reso visibili i centri medici e gli ambulatori che sono rimasti aperti e in cui è ancora possibile effettuare visite specialistiche.

A questa pagina da oggi è possibile verificare quali sono i centri aperti più vicini, gli orari e i medici disponibili.

E per la prima volta Dottori.it apre il portale anche all’iscrizione dei medici di famiglia. I pazienti potranno quindi trovarli online, prenotare la visita e parlare con loro attraverso una chat per un primo e veloce consulto. I medici di base che vorranno approfittare di questa possibilità potranno iscriversi al sito gratuitamente, usufruendo per tutto il periodo di emergenza sanitaria dell’Agenda Dottori, il software gestionale attraverso cui gestire digitalmente gli appuntamenti, e della videoconsulenza.

Per attivare il proprio profilo è sufficiente compilare questo form. Non solo: in un momento storico in cui tutti sono obbligati a ridurre al minimo i contatti con le altre persone, il digitale offre anche la possibilità di evitare l’incontro in campo medico, laddove fattibile, ed effettuare consulenze a distanza.

È per questo che Dottori.it ha integrato nella sua piattaforma il servizio di videoconsulto, disponibile per tutti gli specialisti prenotabili sia dal sito che dall’app.

Per i medici questa novità è stata introdotta senza costi aggiuntivi al loro abbonamento.

Per tutti i dottori (medici di base e specialisti) la chat con i pazienti rimarrà aperta anche dopo la visita o il videoconsulto: in questo modo sarà possibile seguire i propri assistiti durante la fase di terapia e di guarigione e rispondere a eventuali necessità che potrebbero insorgere. Il tutto in un ambiente digitale protetto e sicuro, a differenza delle comuni chat. Per supportare la gestione dell’emergenza coronavirus, poi, nei prossimi giorni e per tutto il periodo in cui risulterà necessario, il portale modificherà anche il modulo di prenotazione delle visite con i medici di base e lo integrerà con un questionario per il pre-triage, che consentirà una valutazione dei sintomi del Covid-19.

“In Italia la digitalizzazione della sanità aveva già ottenuto buoni risultati, ma con la pandemia questo processo ha subito un'inevitabile accelerazione. La crisi ci ha infatti imposto di allungare il passo e trovare subito soluzioni che potessero dare un aiuto concreto a medici e pazienti. – ha dichiarato Angela Maria Avino, Ceo di Dottori.it – Con il nostro sforzo vogliamo tutelare sia i dottori, fornendo loro tutti gli strumenti possibili per lavorare in sicurezza sia i loro assistiti che, laddove possibile, trovano nella tecnologia lo strumento utile a evitare uscite non strettamente necessarie.”



© RIPRODUZIONE RISERVATA


ALTRE NOTIZIE

 CONTATTA LA REDAZIONE 2003- 2020 Enfasi srl
INFORMAZIONI COMMERCIALI .
Enfasi srl - Quotidiano digitale registrato presso il Tribunale dell'Aquila con decreto n°501 del 2 settembre 2003
Iscrizione al ROC n. 26362 - P.IVA 01812420667
Direttore responsabile Berardo Santilli

La redazione può essere contattata al


Politica d'uso dei Cookies su AbruzzoWeb

Alcune foto potrebbero essere prese dal Web e ritenute di dominio pubblico; i proprietari contrari alla pubblicazione potranno segnalarcelo contattando la redazione.
Powered by Digital Communication  -  Developed by MA-NO
 
X

Questo sito utilizza dei cookie per monitorare e personalizzare l'esperienza di navigazione degli utenti. Continuando a navigare si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito.
Per avere più informazioni o modificare le impostazioni sui cookie clicca qui