• Abruzzoweb sponsor

CORONAVIRUS: PARMITANO, ''NELLO SPAZIO SAPEVAMO TUTTO GIA' DA NOVEMBRE''

Pubblicazione: 25 maggio 2020 alle ore 17:22

ROMA - Luca Parmitano e la sua equipe sapevano dell'esistenza del coronavirus già da novembre, prima ancora che la Cina annunciasse pubblicamente il diffonersi dell'epidemia nel suo territorio. 

La rivelazione arriva dallo stesso ufficiale dell’Aeronautica Militare, con 25 anni di servizio e sei missioni spaziali alle spalle, come riporta David Rossi in Difesaonline.it.

Per ben due volte, intervistato nel mese di aprile in due differenti trasmissioni televisive italiane, l'astronauta ha ammesso che sulla stazione orbitante monitoravano quanto stava accadendo sulla Terra.

"A bordo abbiamo un collegamento quotidiano con le realtà terrestri; abbiamo anche accesso alla rete internet; possiamo comunicare con i centri di controllo e già da novembre, avevamo iniziato a seguire i primi contagi, inizialmente soltanto nei paesi asiatici, poi al mio rientro i primi contagi in Europa…" e ancora: "sulla stazione abbiamo seguito quello che stava succedendo sulla Terra: anche prima del mio rientro già da novembre eravamo al corrente di questo probabile contagio pandemico e soprattutto la gravità che si andava allargando a macchia d’occhio proprio in Europa poco prima del mio rientro".

L'ipotesi è che il colonnello Parmitano sapesse, grazie alle informazioni in arrivo dall'intelligence americana, della presenza di un pericolo per la salute mondiale.

Gli Usa, infatti, potrebbero aver avvertito i governi alleati della situazione prima ancora che il medico cinese Li Wenliang denunciasse i fatti. 

A questo punto, difesaonline.it si interroga su cosa sia davvero successo: stando alle dichiarazioni di Parmitano, sembrerebbe che i Paesi dell’Europa e in generale del mondo occidentale sapessero dei rischi del Coronavirus, ma si siano limitati a fare circolare le informazioni tra di loro senza prendere alcun provvedimento concreto.

Corea e Giappone, reduci di SARS E MERS si erano adeguati, ma in Occidente nessuno avrebbe prestato attenzione all'imminente pericolo. 

L'ipotesi è quindi che i governi sapessero della pericolosità del Covid, ma nessuno avrebbe preso provvedimenti.



© RIPRODUZIONE RISERVATA


ALTRE NOTIZIE

 CONTATTA LA REDAZIONE 2003- 2020 Enfasi srl
INFORMAZIONI COMMERCIALI .
Enfasi srl - Quotidiano digitale registrato presso il Tribunale dell'Aquila con decreto n°501 del 2 settembre 2003
Iscrizione al ROC n. 26362 - P.IVA 01812420667
Direttore responsabile Berardo Santilli

La redazione può essere contattata al


Politica d'uso dei Cookies su AbruzzoWeb

Alcune foto potrebbero essere prese dal Web e ritenute di dominio pubblico; i proprietari contrari alla pubblicazione potranno segnalarcelo contattando la redazione.
Powered by Digital Communication  -  Developed by MA-NO
 
X

Questo sito utilizza dei cookie per monitorare e personalizzare l'esperienza di navigazione degli utenti. Continuando a navigare si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito.
Per avere più informazioni o modificare le impostazioni sui cookie clicca qui