• Abruzzoweb sponsor

CORONAVIRUS: ORA REGOLE E PROGRAMMAZIONE NEGLI STUDI DEI MEDICI DI FAMIGLIA

Pubblicazione: 15 luglio 2020 alle ore 17:31

ROMA - Dopo essere stati "blindati" per fermare la diffusione del virus e non diventare un luogo di contagio, da metà maggio in poi gli studi dei medici di medicina generale hanno gradualmente ripreso le attività ma con misure rigide: si entra stando distanziati, con la mascherina e su prenotazione e l'accesso avviene nell'immediato della visita in modo da non sostare in sala d'attesa.

Soprattutto, il Covid ha fatto si che si siano ridotti gli accessi considerati 'impropri': ad esempio per prendere solo una ricetta.

Lo spiega il professor Claudio Cricelli, presidente Simg, Società Italiana di Medicina Generale.

"La lezione che il Covid ha insegnato - spiega Cricelli - è che è inutile andare ad effettuare di persona prestazioni che possono essere fatte a distanza. A cominciare dalle ricette: il medico può inviarle. Questo, insieme alla programmazione, ha comportato perlomeno una riduzione di un terzo degli accessi agli studi".

"E' cambiata anche la mentalità del medico - aggiunge - la medicina moderna e' di programmazione: per la maggior parte delle patologie si sa in anticipo ogni quanto tempo occorre vedere un paziente, quando vanno ripetuti gli esami".

Gli anziani e i malati cronici si sono dimostrati molto consapevoli: "Hanno compreso l'importanza di risolvere i problemi per cui è possibile trovare una soluzione a distanza da remoto", osserva Cricelli.

"Nel periodo in cui gli studi sono stati poco frequentati - conclude - tutte le prestazioni di persona sono state trasferite o al telefono o su WhatsApp e non si perderà più questa abitudine. È possibile scambiare informazioni, non tutte ovviamente. Negli studi sta tornando il necessario. Quello che non può essere fatto solo a distanza". 

 



© RIPRODUZIONE RISERVATA


ALTRE NOTIZIE

 CONTATTA LA REDAZIONE 2003- 2020 Enfasi srl
INFORMAZIONI COMMERCIALI .
Enfasi srl - Quotidiano digitale registrato presso il Tribunale dell'Aquila con decreto n°501 del 2 settembre 2003
Iscrizione al ROC n. 26362 - P.IVA 01812420667
Direttore responsabile Berardo Santilli

La redazione può essere contattata al


Politica d'uso dei Cookies su AbruzzoWeb

Alcune foto potrebbero essere prese dal Web e ritenute di dominio pubblico; i proprietari contrari alla pubblicazione potranno segnalarcelo contattando la redazione.
Powered by Digital Communication  -  Developed by MA-NO
 
X

Questo sito utilizza dei cookie per monitorare e personalizzare l'esperienza di navigazione degli utenti. Continuando a navigare si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito.
Per avere più informazioni o modificare le impostazioni sui cookie clicca qui