• Abruzzoweb sponsor

CORONAVIRUS: ''LOCKDOWN HA EVITATO 46 PER CENTO IN PIU' DI CONTAGI''

Pubblicazione: 26 maggio 2020 alle ore 18:03

ROMA - L'allarme sociale, veicolato dalle informazioni date da mass media e autorità, ha influito sull'andamento dell'epidemia di Covid-19 in Italia. 

Il comportamento responsabile degli italiani durante il lockdown ha evitato di raddoppiare il numero delle morti e scongiurato circa il 46% in più di contagi. 

Lo indica un modello matematico elaborato da Bruno Buonomo dell'Università Federico II di Napoli, e Rossella Della Marca, dell'Università di Parma, pubblicato su medrXiv, sito che ospita i lavori non ancora rivisti dalla comunità scientifica. 

"Nello studio abbiamo suddiviso la popolazione sulla base della gravità della malattia, tra sani, infetti asintomatici e sintomatici, e guariti, e considerato i dati epidemiologici del periodo compreso fra il 24 febbraio, quando è stato emesso il primo bollettino dalla Protezione civile, e il 18 maggio", spiegano gli autori.

"L'informazione - continuano - ha provocato allarme sociale nella popolazione, che ha risposto e aderito alle restrizioni del lockdown in modo significativo". 

L'informazione ha riguardato in particolare i dati sulle persone ricoverate in ospedale e in isolamento domiciliare. 

"Abbiamo stimato che la copertura informativa, arrivata tramite i mass media e le autorità, sia stata dell'80%. Ciò significa che dei casi accaduti, l'80% è arrivato ed è stato riportato al cittadino, mentre il 20% si è perso, perché i dati non sono stati raccolti o si sono dispersi", proseguono i ricercatori. 

Nel modello è stato calcolato anche il ritardo con cui sono arrivate le informazioni.

"Da quando cioè le strutture sanitarie hanno comunicato i dati a quando questi sono arrivati ai cittadini, abbiamo stimato che siano trascorsi circa 3 giorni", aggiunge Della Marca. 

Complessivamente l'adesione degli italiani alle restrizioni imposte con i lockdown, conclude, "ha permesso di scongiurare il 46% in più dei contagi rispetto allo scenario più catastrofico di assenza di adesione volontaria e di evitare di avere il doppio delle morti".



© RIPRODUZIONE RISERVATA


ALTRE NOTIZIE

 CONTATTA LA REDAZIONE 2003- 2020 Enfasi srl
INFORMAZIONI COMMERCIALI .
Enfasi srl - Quotidiano digitale registrato presso il Tribunale dell'Aquila con decreto n°501 del 2 settembre 2003
Iscrizione al ROC n. 26362 - P.IVA 01812420667
Direttore responsabile Berardo Santilli

La redazione può essere contattata al


Politica d'uso dei Cookies su AbruzzoWeb

Alcune foto potrebbero essere prese dal Web e ritenute di dominio pubblico; i proprietari contrari alla pubblicazione potranno segnalarcelo contattando la redazione.
Powered by Digital Communication  -  Developed by MA-NO
 
X

Questo sito utilizza dei cookie per monitorare e personalizzare l'esperienza di navigazione degli utenti. Continuando a navigare si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito.
Per avere più informazioni o modificare le impostazioni sui cookie clicca qui