• Abruzzoweb sponsor

CORONAVIRUS: IL VIROLOGO PREGLIASCO, ''NO A BARBA HIPSTER, SI' A BAFFETTI''

Pubblicazione: 27 maggio 2020 alle ore 16:04

MILANO - Barba o non barba ai tempi del Covid-19? Se si scelgono le mascherine FFP2/FFP3 meglio evitare la peluria foltissima "alla Verdi" o "Garibaldi", lo stile hipster, i pizzi folti e lunghi oltre il mento, i baffi alla messicana e i basettoni (stile "mutton chops"). 

Promossi i pizzi circoscritti intorno alle labbra e i baffetti sottili, alla Zorro e a spazzolino, secondo una ricerca del Centers for Disease Control and prevention americano, citata dal virologo Fabrizio Pregliasco, interpellato sul tema da Gillette. 

"La barba - dice - è ben noto che può essere veicolo di batteri facilitando l'adesione di batteri e in tal senso anche dei droplet veicoli del COVID-19. Determinante quindi l'igiene sistematica e la cura. Importante considerare però che anche una rasatura non eseguita a regola d'arte può determinare microlesioni che possono facilitare il contagio. È molto importante, dunque, disinfettare eventuali irritazioni o ferite da rasatura". 

I baffi, dal canto loro, "rappresentano una questione igienica sicuramente inferiore a quello della barba, soprattutto se folta. Anch'essi sono però luogo privilegiato per un accumulo di carica batterica e virale". 

L'essenziale - ricorda il docente di Igiene e medicina preventiva all'Università Statale di Milano e direttore sanitario dell'Istituto Galeazzi- è che la peluria non fuoriesca "dal bordo della maschera per non impedire l'adesione delle mascherine alla cute e ridurre la protezione conferita da questi dispositivi". 

Sui foglietti allegati alle mascherine FFP2 si legge infatti "non usare con barba, basette o baffi che potrebbero impedire una buona tenuta del respiratore sul volto". 

Così, se "gli operatori sanitari dovrebbero radersi il viso in questo periodo di emergenza", per Pregliasco "anche un normale cittadino che in questo momento decida di farsi crescere la barba andrebbe dissuaso in via prudenziale". 

Il virologo consiglia alcune buone pratiche di rasatura quotidiane: lavare bene il viso, per idratare anche i peli della barba e facilitare la rasatura; applicare schiuma o gel da barba per ridurre al minimo l'attrito tra le lame e la pelle; non esercitare troppa pressione; sciacquare il rasoio frequentemente durante la rasatura. 

Per i cittadini che indossano le mascherine chirurgiche "la peluria non costituisce alcun impedimento, a patto che la barba - avvisa - non sia troppo folta o lunga altrimenti lo schermo non è più sufficiente. In questo caso è bene accorciarla. Con le mascherine perciò è possibile dare un via libera alla cura della barba, che sia di media lunghezza, e ai baffetti e ai pizzi ben delineati e rasati". 



© RIPRODUZIONE RISERVATA


ALTRE NOTIZIE

 CONTATTA LA REDAZIONE 2003- 2020 Enfasi srl
INFORMAZIONI COMMERCIALI .
Enfasi srl - Quotidiano digitale registrato presso il Tribunale dell'Aquila con decreto n°501 del 2 settembre 2003
Iscrizione al ROC n. 26362 - P.IVA 01812420667
Direttore responsabile Berardo Santilli

La redazione può essere contattata al


Politica d'uso dei Cookies su AbruzzoWeb

Alcune foto potrebbero essere prese dal Web e ritenute di dominio pubblico; i proprietari contrari alla pubblicazione potranno segnalarcelo contattando la redazione.
Powered by Digital Communication  -  Developed by MA-NO
 
X

Questo sito utilizza dei cookie per monitorare e personalizzare l'esperienza di navigazione degli utenti. Continuando a navigare si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito.
Per avere più informazioni o modificare le impostazioni sui cookie clicca qui