• Abruzzoweb sponsor

CORONAVIRUS: CRISANTI, ''ZONE ROSSE NON SONO TUTTE UGUALI, SERVE TRACCIAMENTO''

Pubblicazione: 01 luglio 2020 alle ore 18:04

VENEZIA - "Sulle zone rosse c'è un dato che vorrei evidenziare, e che è stato trascurato: gli abitanti di Vo' durante il lockdown erano liberi di muoversi. Una volta identificati ed isolati i casi positivi tutte le altre persone si incontravano. Questa azione aggressiva di tracciamento permette da una parte di isolare le persone positive, e dall'altro di consentire un certo margine di libertà agli altri".

Lo ha detto il microbilologo Andrea Crisanti a "Timeline", su Sky24, parlando della gestione delle cosiddette "zone rosse".

"Un conto - ha osservato - è la zona rossa con tutti quanti a casa, un altro è fare una zona rossa e poi tracciare il prima possibile tutti i positivi, così che gli altri, in qualche modo, sono in grado di continuare una vita più o meno normale, aspettando che tutti i casi siano risolti. Quello che è accaduto a Vo'".



© RIPRODUZIONE RISERVATA


ALTRE NOTIZIE

 CONTATTA LA REDAZIONE 2003- 2020 Enfasi srl
INFORMAZIONI COMMERCIALI .
Enfasi srl - Quotidiano digitale registrato presso il Tribunale dell'Aquila con decreto n°501 del 2 settembre 2003
Iscrizione al ROC n. 26362 - P.IVA 01812420667
Direttore responsabile Berardo Santilli

La redazione può essere contattata al


Politica d'uso dei Cookies su AbruzzoWeb

Alcune foto potrebbero essere prese dal Web e ritenute di dominio pubblico; i proprietari contrari alla pubblicazione potranno segnalarcelo contattando la redazione.
Powered by Digital Communication  -  Developed by MA-NO
 
X

Questo sito utilizza dei cookie per monitorare e personalizzare l'esperienza di navigazione degli utenti. Continuando a navigare si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito.
Per avere più informazioni o modificare le impostazioni sui cookie clicca qui