• Abruzzoweb sponsor

CORONAVIRUS: CIECHI E IPOVEDENTI, 2 MILIONI A RISCHIO ISOLAMENTO

Pubblicazione: 16 marzo 2020 alle ore 13:07

ROMA - Oltre 360mila mila ciechi assoluti e oltre un milione e mezzo di ipovedenti e pluridisabili, insieme alle famiglie, rischiano l'isolamento a causa della mancanza di volontari e altre figure di supporto fondamentali, per l'emergenza legata al nuovo coronavirus.

A lanciare l'allarme è l'Unione italiana ciechi e ipovedenti (Uici).

"Si tratta di persone - scrive in una nota l'Uici - in grande difficoltà perché la disabilità non consente loro di rispettare sempre la distanza di sicurezza dagli altri e perché costrette a un autoconfinamento a casa, prive di assistenza di volontari a supporto".

"Come se non bastasse - si legge ancora - in molti casi, sono impossibilitate a svolgere lavoro da casa e lamentano problematiche di mobilità per recarsi sul posto di lavoro, sia per la notevole carenza di accompagnatori, sia perché a quest'ultimi, quando ci sono, viene spesso negato l'ingresso nei luoghi da raggiungere insieme alla persona accompagnata".

"È indispensabile - evidenzia l'Uici - che venga garantita l'assistenza domiciliare per sopperire alle necessità di spesa, farmaci, cure o accompagnamento al lavoro (dove non c'è possibilità di lavorare da casa). Le misure in parte previste nel Decreto-legge 14/2020 debbono essere rafforzate e rese obbligatorie, stabilendo il dovere, e non la facoltà per gli enti locali di fornire assistenza e supporto alle persone in condizione di disabilità".

"Le emergenze sanitarie richiedono misure drastiche - evidenzia il presidente Uici Mario Barbuto - ma sentiamo il dovere di porre in evidenza le criticità e metterci a disposizione delle Istituzioni per individuare insieme soluzioni".

Secondo Uici "sarebbe decisivo istituire un'unità di coordinamento permanente, d'intesa con le associazioni, deputata alla gestione quotidiana e identificazione dei bisogni delle persone con disabilità. Altrettanto fondamentale lo stanziamento di risorse dedicate sia per le associazioni sia per voucher erogati dallo Stato dei quali fruire per il necessario supporto dei volontari che oggi mancano".



© RIPRODUZIONE RISERVATA


ALTRE NOTIZIE

 CONTATTA LA REDAZIONE 2003- 2020 Enfasi srl
INFORMAZIONI COMMERCIALI .
Enfasi srl - Quotidiano digitale registrato presso il Tribunale dell'Aquila con decreto n°501 del 2 settembre 2003
Iscrizione al ROC n. 26362 - P.IVA 01812420667
Direttore responsabile Berardo Santilli

La redazione può essere contattata al


Politica d'uso dei Cookies su AbruzzoWeb

Alcune foto potrebbero essere prese dal Web e ritenute di dominio pubblico; i proprietari contrari alla pubblicazione potranno segnalarcelo contattando la redazione.
Powered by Digital Communication  -  Developed by MA-NO
 
X

Questo sito utilizza dei cookie per monitorare e personalizzare l'esperienza di navigazione degli utenti. Continuando a navigare si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito.
Per avere più informazioni o modificare le impostazioni sui cookie clicca qui