TERRORISMO: VENERDI' ALL'AQUILA PROCESSO ALLA LIOCE, SOLIDARIETA' DA DONNE

Pubblicazione: 05 luglio 2017 alle ore 12:28

Nadia Lioce

L'AQUILA - All’Aquila venerdì prossimo, 7 luglio, si processa Nadia Desdemona Lioce, terrorista componente dell'organizzazione armata di sinistra Nuove Brigate Rosse-Nuclei Comunisti Combattenti, rinchiusa al carcere delle Costarelle dal 2003.

In una nota, le lavoratrici delle pulizie della Dussman di Taranto e quelle dell'Istituto nazionale tumori di Milano, esprimono solidarietà ad una donna che "continua a ribellarsi a questo sistema fascista di tortura e annientamento dell’identità umana, sociale e politica, con la detenzione 41bis si vuole demolire ogni possibilitá di ribellione e di dignitá"

E, continuano, "per la sua battaglia di civiltà contro la barbara/tortura del 41bis, che la vuole piegare-mortificare-umiliare-annientare. Ma la ribellione e resistenza di Nadia e la solidarietà è più forte della repressione di questo Stato".

La Lioce, 58enne foggiana, sta scontando tre ergastoli per atti terroristici legati agli omicidi dei giuslavoristi Massimo D’Antona (Roma 1999) e Marco Biagi (Bologna 2002) e del poliziotto Emanuele Petri, ferito a morte il 2 marzo 2003 durante la cattura della Lioce.

Il 7 luglio la brigatista rossa sarà processata anche per oltraggio a pubblico ufficiale e disturbo dell’occupazione e del riposo del personale: circa tre anni fa, infatti, la donna avrebbe più volte battuto una bottiglia di plastica sulle sbarre della sua cella, causando un rumore intollerabile.



© RIPRODUZIONE RISERVATA


ALTRE NOTIZIE

 CONTATTA LA REDAZIONE 2003- 2017 Enfasi srl
INFORMAZIONI COMMERCIALI .
Enfasi srl - Quotidiano digitale registrato presso il Tribunale dell'Aquila con decreto n°501 del 2 settembre 2003
Iscrizione al ROC n. 26362 - P.IVA 01812420667
Direttore responsabile Berardo Santilli

La redazione può essere contattata al


Politica d'uso dei Cookies su AbruzzoWeb

Alcune foto potrebbero essere prese dal Web e ritenute di dominio pubblico; i proprietari contrari alla pubblicazione potranno segnalarcelo contattando la redazione.
Powered by Digital Communication  -  Developed by MA-NO
 
X

Questo sito utilizza dei cookie per monitorare e personalizzare l'esperienza di navigazione degli utenti. Continuando a navigare si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito.
Per avere più informazioni o modificare le impostazioni sui cookie clicca qui