TERREMOTO: CON SCOSSA NEL
MACERATESE CROLLANO PENSILI
IN CASETTE, CONTROLLI FINANZA

Pubblicazione: 12 aprile 2018 alle ore 12:14

MACERATA - La Procura di Macerata ha disposto dei controlli sui pensili crollati nelle Sae (soluzioni abitative provvisorie) di Muccia a seguito della scossa di magnitudo 4.6 all'alba di martedì scorso, 10 aprile.

Verifiche anche sul cedimento di un muretto di contenimento un un'area delle casette.

Ad effettuarli è la Guardia di finanza: i controlli rientrano nel fascicolo già aperto dalla magistratura sul reclutamento e sulla modalità di lavoro per la realizzazione delle Sae.

Il capo della Protezione civile regionale delle Marche David Piccinini aveva parlato ieri della necessità di rivedere "il fissaggio delle staffe dei pensili", adatto ad una situazione di normalità, ma non alle sollecitazioni e al movimento legato ad una scossa sismica di quella portata.

"Da un punto di vista pratico far saltare la staffa di fissaggio è un'operazione che richiede una forza spaventosa, forza che in effetti nelle aree epicentrali il sisma conferisce a quel tipo di masse" aveva detto, sottolineando la necessità di rivedere le circa 3.000 Sae ordinate.



© RIPRODUZIONE RISERVATA


ALTRE NOTIZIE

 CONTATTA LA REDAZIONE 2003- 2018 Enfasi srl
INFORMAZIONI COMMERCIALI .
Enfasi srl - Quotidiano digitale registrato presso il Tribunale dell'Aquila con decreto n°501 del 2 settembre 2003
Iscrizione al ROC n. 26362 - P.IVA 01812420667
Direttore responsabile Berardo Santilli

La redazione può essere contattata al


Politica d'uso dei Cookies su AbruzzoWeb

Alcune foto potrebbero essere prese dal Web e ritenute di dominio pubblico; i proprietari contrari alla pubblicazione potranno segnalarcelo contattando la redazione.
Powered by Digital Communication  -  Developed by MA-NO
 
X

Questo sito utilizza dei cookie per monitorare e personalizzare l'esperienza di navigazione degli utenti. Continuando a navigare si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito.
Per avere più informazioni o modificare le impostazioni sui cookie clicca qui