• Abruzzoweb sponsor

SVILUPPO ECONOMICO VASTESE: MARSILIO INCONTRA ASSOVASTO

Pubblicazione: 20 giugno 2019 alle ore 16:42

Il porto di Vasto

VASTO - Si è tenuto nei giorni scorsi, negli uffici della Presidenza della Regione, un tavolo di confronto tra la delegazione di Assovasto ed il presidente della Regione Abruzzo, Marco Marsilio, avente ad oggetto le Zone Economiche Speciali, la possibile ridefinizione delle aree di crisi, e l’importanza strategica del porto di Vasto alla luce della nuova Via della Seta.

La delegazione di Assovasto, composta dal presidente Marcello Dassori, Luigi Sabatini, Beniamino Tambelli e dal direttore Giuseppe La Rana, ha affrontato alcune tematiche connesse allo sviluppo economico del territorio del basso Abruzzo avanzando proposte al presidente Marsilio accompagnato, per l’occasione, dai funzionari di Dipartimento.

“Ci siamo confrontati sulle Zes –commenta il presidente Dassori – proponendo una modifica alla perimetrazione non tanto quantitativa ma soprattutto qualitativa al fine di vedere concretizzati nel più breve tempo possibilei benefici fiscali e le agevolazioni derivanti dalle Zone Economiche Speciali".

"Su Punta Penna – sottolinea il presidente di Assovasto - le aree individuate dalla precedente Giunta regionale oltre ad essere modeste, sono anche troppo sbilanciate su lotti in disuso o da completare urbanisticamente. Stesso discorso anche per l’area industriale di San Salvo".

"Ma non abbiamo parlato solo di Zes – prosegue Dassori – L’incontro è stato finalizzato anche ad avanzare proposte sul rinserimento delle nostre realtà industriali nelle aree di crisi semplici al fine di poter intercettare altre agevolazioni ministeriali. Abbiamo inoltre posto l’accento sul ruolo del Porto di Vasto – ha concluso Dassori – sugli investimenti di cui necessita al fine di sfruttare i rapporti già esistenti con il porto di Trieste in un’ottica strategica e sinergica con la Nuova via della Seta.”

Il presidente Marsilio ha rimarcato l’importanza strategica e l’attenzione regionale allo sviluppo del Porto di Punta Penna: a tal riguardo ha anticipato di aver sensibilizzato il ministro Danilo Toninelli sottoponendogli un piano di esigenze per la riqualificazione della darsena, del piazzale e della diga foranea.

Sulle Zes, invece,  Marsilio ha raccolto le preoccupazioni della zona Vasto San Salvo assicurando che sulla perimetrazione disegnata dalla precedente giunta sono in corso interlocuzioni con il ministero al fine di poter apportare piccole variazioni. 

 "Siamo soddisfatti del proficuo confronto con il presidente Marsilio - afferma il direttore Giuseppe La Rana – Auspichiamo che alcune economiederivanti dalla programmazione 2014-2020 possano essere presto impiegatenell’area del vastese e ci muoveremo sin da subito con gli uffici regionali per essere nuovamente riconosciuti area di crisi già dal prossimo ciclo di programmazione; ciò consentirebbe, attraverso un accordo di programma, di ottenere finanziamenti per i nostri distretti industriali al fine di attrarre nuovi investimenti, riconvertire e riqualificare le nostre imprese".

"Da parte nostra - conclude il direttore - la parola d’ordine è fare rete con tutti gli stakeholders".



© RIPRODUZIONE RISERVATA


ALTRE NOTIZIE

 CONTATTA LA REDAZIONE 2003- 2019 Enfasi srl
INFORMAZIONI COMMERCIALI .
Enfasi srl - Quotidiano digitale registrato presso il Tribunale dell'Aquila con decreto n°501 del 2 settembre 2003
Iscrizione al ROC n. 26362 - P.IVA 01812420667
Direttore responsabile Berardo Santilli

La redazione può essere contattata al


Politica d'uso dei Cookies su AbruzzoWeb

Alcune foto potrebbero essere prese dal Web e ritenute di dominio pubblico; i proprietari contrari alla pubblicazione potranno segnalarcelo contattando la redazione.
Powered by Digital Communication  -  Developed by MA-NO
 
X

Questo sito utilizza dei cookie per monitorare e personalizzare l'esperienza di navigazione degli utenti. Continuando a navigare si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito.
Per avere più informazioni o modificare le impostazioni sui cookie clicca qui