• Abruzzoweb sponsor

REGIONE: DA CASA AL LAVORO IN AUTO BLU,
IN GIUNTA C'E' CHI REMA CONTRO I TAGLI

Pubblicazione: 01 agosto 2014 alle ore 09:05

di

L'AQUILA - La legge in Abruzzo parla chiaro, le auto blu non possono andare a prendere o riportare presidente e assessori fino a casa, ma devono partire e arrivare solo nelle sedi istituzionali più vicini, il resto si fa con mezzi propri.

Eppure, secondo quanto appreso da AbruzzoWeb, nella nuova Giunta, fin dalle prime riunioni qualcuno ha provato a "mitigare" la rigida norma, peraltro fissata di recente, anche se, finora, senza successo.

Tra gli assessori di Luciano D'Alfonso, voce che non trova smentita, qualcuno avrebbe proposto la possibilità di farsi venire a prendere e riaccompagnare a casa, senza doversi recare con mezzi propri nella sede istituzionale: proposta, che comporterebbe un aggravio di spesa e la necessità di una variazione di bilancio.

Ma è emblematico che qualcuno ci abbia solo pensato, visto che, come già scritto da questo giornale, una circolare interna a firma di Pierfranco Colangeli, dirigente Risorse umane e strumentali, ha denunciato che dipendenti, dirigenti e assessori della Regione continuano a utilizzare con molta poca parsimonia le auto blu e le circa 140 auto di servizio, e che di conseguenza nel 2014 sono stati già spesi 51 mila dei 79.701 euro messi a bilancio.

Il rischio, di conseguenza, è che tra poche settimane non ci sarà un euro a disposizione per rinnovare i contratti di noleggio delle auto di rappresentanza, che scadranno proprio tra agosto e ottobre, per comprare il carburante e pagare le manutenzioni.

A ciò si aggiunge che modificare il regolamento regionale, approvato dalla Giunta di Gianni Chiodi a seguito dello scandalo di Rimborsopoli, non sarà certo facile in termini giuridici, perché rappresenterebbe un clamoroso tradimento della lettera e dello spirito della legge anticorruzione e del decreto sulla spending review, ovvero la legge 95 del 2012, approvata dal governo di Mario Monti, di cui la norma regionale è solo un’applicazione.

All’articolo 10 del Regolamento è scritto infatti testualmente: “Le strutture della Giunta mettono a disposizione del presidente e degli assessori le autovetture di servizio a uso non esclusivo degli stessi, potendo le autovetture essere utilizzate anche dalla dirigenza, in relazione a esigenze di servizio, ferma restando la priorità dell'utilizzo del mezzo pubblico da parte della stessa”.

E al comma successivo si specifica che “le autovetture di rappresentanza e di servizio sono custodite nelle autorimesse presenti nelle sedi istituzionali della Regione”, e infine che “possono essere eccezionalmente essere utilizzate per trasportare rappresentanti di istituzioni, se invitati dal presidente della Giunta a partecipare a eventi istituzionali, in tal caso il tragitto percorribile è limitato agli spostamenti dal luogo di arrivo a quello di svolgimento del'evento istituzionale e da quest'ultimo al luogo di partenza”.

A scanso di equivoci, poi, nella relazione introduttiva, si spiega che l'utilizzo delle auto blu “comporta spostamenti dalle sedi istituzionali del presidente della Giunta e degli assessorati ad altre sedi istituzionali o in quelle in cui si volgono eventi ai quali presidente della Giunta o gli assessori, partecipano in virtù della carica ricoperta”.

E si cita l’articolo 5 del Decreto sulla spending review in cui si dice che "l'utilizzo delle autovetture di servizio e di rappresentanza assegnate in uso esclusivo è concesso per le sole esigenze di servizio del titolare".

Insomma, per tornare al paletto iniziale che qualcuno ha provato a mettere in discussione, in nessun caso lo spostamento dall’abitazione privata al luogo di lavoro può essere considerato un’attività istituzionale, e l’auto blu deve essere parcheggiata nella sede istituzionale della Regione, e non sotto la casa del potente di turno, come accadeva di sovente in passato.

Assessori e presidenti, se non possono proprio spostarsi con mezzi pubblici, l’auto blu pagata dal contribuente la possono utilizzare solo dopo che con mezzi propri sono arrivati sul luogo di lavoro, e hanno ”timbrato il cartellino”, entrando nell’esercizio delle loro funzioni, pagandosi il biglietto o il carburante della loro automobile, come fanno tutti i giorni milioni di lavoratori e pendolari italiani.

Ultima osservazione: per “esercizio delle funzioni istituzionali” la legge approvata a maggio non considera gli spostamenti effettuati in auto blu durante la campagna elettorale. Abuso che però è avvenuto spesso e volentieri.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

ARTICOLI CORRELATI:

REGIONE: DA AGOSTO STOP ALLE AUTO BLU ''GIA' SPESI I SOLDI PER TUTTO IL 2014''

di Filippo Tronca
PESCARA - Stop all’uso delle auto blu e di servizio in Regione Abruzzo dal prossimo mese di agosto perché non ci sono più soldi in bilancio. Nel giro di qualche settimana, quindi, l’attività regionale rischia di bloccarsi... (continua)

REGIONE: TAGLI ALLE CARTE CARBURANTE; BUS NAVETTA SNOBBATI PER LE AUTO BLU

L’AQUILA - Non solo lo stop alle auto blu della Regione Abruzzo, ma anche il taglio delle carte carburante nella nuova era dovuta all’adeguamento ai paletti della spending review di cui ieri AbruzzoWeb ha già fornito... (continua)

ALTRE NOTIZIE

 CONTATTA LA REDAZIONE 2003- 2020 Enfasi srl
INFORMAZIONI COMMERCIALI .
Enfasi srl - Quotidiano digitale registrato presso il Tribunale dell'Aquila con decreto n°501 del 2 settembre 2003
Iscrizione al ROC n. 26362 - P.IVA 01812420667
Direttore responsabile Berardo Santilli

La redazione può essere contattata al


Politica d'uso dei Cookies su AbruzzoWeb

Alcune foto potrebbero essere prese dal Web e ritenute di dominio pubblico; i proprietari contrari alla pubblicazione potranno segnalarcelo contattando la redazione.
Powered by Digital Communication  -  Developed by MA-NO
 
X

Questo sito utilizza dei cookie per monitorare e personalizzare l'esperienza di navigazione degli utenti. Continuando a navigare si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito.
Per avere più informazioni o modificare le impostazioni sui cookie clicca qui