• Abruzzoweb sponsor

L'AQUILA: PALUMBO (PD), ''RISCHIO PERDERE FONDI RIQUALIFICAZIONE COLLEMAGGIO''

Pubblicazione: 21 giugno 2018 alle ore 10:50

L'AQUILA - "Il tempo passa e le risorse per la città dell’Aquila spariscono nell’inerzia amministrativa, vanificando quanto fatto negli anni per risolvere questioni epocali".

Lo denuncia il capogruppo del Partito democratico al Consiglio comunale dell'Aquila Stefano Palumbo.

"Fa rabbia", dice in una nota, "vedere come il progetto di riqualificazione dell’area di Collemaggio sia stato abbandonato dal Comune dell’Aquila, fa rabbia che l’attuale amministrazione non abbia intenzione di portare avanti il progetto approvato dalla maggioranza di cui ho fatto parte per la realizzazione del Parco della luna senza avere in mano un’alternativa, contrariamente a quanto scritto dal sindaco Biondi a gennaio 2018 in una nota indirizzata alla Regione Abruzzo".

"La prospettiva che si fa ogni giorno più concreta è quella della perdita di un finanziamento inserito nel Masterplan Abruzzo da 10 milioni di euro e destinato al recupero dell’area, oggi mantenuta in vita da un gruppo di persone attive e volenterose", aggiunge Palumbo.

"Purtroppo si rischia di non fare più in tempo; la procedura prevede infatti che per ottenere lo sblocco della rata di acconto pari al 10%, occorre caricare il progetto nella Banca Dati Unitaria dell'Agenzia di Coesione, allegando le schede progettuali corredate di Cup, titolo del progetto, responsabile, cronoprogramma procedurale ed eventuale cofinanziamento. Inoltre l’appalto dovrà essere aggiudicato, almeno in via provvisoria, entro il 31 dicembre 2019; in caso di sforamento dei termini sopra indicati si perderà il finanziamento, a danno della Regione, che non potrà riprogrammare l'intervento e del Comune che non avrà i soldi previsti per gli interventi".

"Considerando i tempi delle procedure pubbliche che tutti purtroppo conosciamo - continua il capogruppo del Pd - chiedo a questo punto al sindaco Biondi di uscire allo scoperto sulle reali intenzioni del Comune dell’Aquila nel merito della questione, perché se qualcuno può ritenere legittimo per un’amministrazione cambiare idea sulla destinazione di un’area, fregandosene soltanto per antipatie politiche di quanti a quell’idea hanno lavorato in precedenza, non si può farlo mettendo a rischio importanti fondi pubblici".

"Basti pensare che su 750 milioni disponibili per il Masterplan Abruzzo a valere del Fondo di Sviluppo e Coesione, sono stati già caricati secondo la procedura di cui sopra progetti per un valore di 500 milioni e tra le grandi città solo il Comune dell’Aquila non ha ancora presentato la necessaria scheda progettuale. Altre realtà farebbero carte false per assicurarsi un finanziamento di questo tipo mentre noi rischiamo di gettare via risorse già destinate alla nostra città".

"Chiedo dunque all’amministrazione di fare una seria analisi di coscienza portando avanti il progetto del “Parco della luna”, affinché un’importante area cittadina possa tornare ad essere finalmente un valore aggiunto per l’intera città. Da consigliere di opposizione, ma soprattutto da cittadino offro tutto l’aiuto possibile purché non si disperdano le risorse e si arrivi alla realizzazione dell’opera e al recupero dell’area", conclude Palumbo.



© RIPRODUZIONE RISERVATA


ALTRE NOTIZIE

 CONTATTA LA REDAZIONE 2003- 2019 Enfasi srl
INFORMAZIONI COMMERCIALI .
Enfasi srl - Quotidiano digitale registrato presso il Tribunale dell'Aquila con decreto n°501 del 2 settembre 2003
Iscrizione al ROC n. 26362 - P.IVA 01812420667
Direttore responsabile Berardo Santilli

La redazione può essere contattata al


Politica d'uso dei Cookies su AbruzzoWeb

Alcune foto potrebbero essere prese dal Web e ritenute di dominio pubblico; i proprietari contrari alla pubblicazione potranno segnalarcelo contattando la redazione.
Powered by Digital Communication  -  Developed by MA-NO
 
X

Questo sito utilizza dei cookie per monitorare e personalizzare l'esperienza di navigazione degli utenti. Continuando a navigare si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito.
Per avere più informazioni o modificare le impostazioni sui cookie clicca qui