L'AQUILA: METRO DI SUPERFICIE, CALA IL SIPARIO; SMONTATI PALI E CAVI

Pubblicazione: 28 gennaio 2013 alle ore 15:23

di

L'AQUILA - Sono cominciati i lavori di rimozione dei pali della metropolitana di superficie dell'Aquila, una delle incompiute della città che hanno fatto maggiormente discutere.

Questa mattina, nonostante il brutto tempo, gli uomini della manutenzione stradale del Comune hanno iniziato a smontare i tralicci dalla zona di viale Corrado IV, a partire dalla rotonda di piazza D'Armi.

Oltre ai pali, gli operai stanno togliendo anche i cavi che avrebbero dovuto dare ai mezzi la corrente necessaria a muoversi.

Si chiude, così, la storia di un'opera finanziata con un contributo dello Stato che sarebbe dovuta costare circa 60 miliardi delle vecchie lire, una parte dei quali spesi per realizzare il tracciato dei binari, le infrastrutture necessarie al passaggio dei vagoni, pensiline e altro.

Una parte delle risorse, grazie a una previsione contenuta nell'ultima legge di Stabilità, potrà essere recuperata dall'amministrazione comunale per migliorare la viabilità.

Un intervento criticato aspramente e cominciato ai tempi della prima legislatura da sindaco di Biagio Tempesta su cui cala definitivamente il sipario.



© RIPRODUZIONE RISERVATA


ALTRE NOTIZIE

 CONTATTA LA REDAZIONE 2003- 2018 Enfasi srl
INFORMAZIONI COMMERCIALI .
Enfasi srl - Quotidiano digitale registrato presso il Tribunale dell'Aquila con decreto n°501 del 2 settembre 2003
Iscrizione al ROC n. 26362 - P.IVA 01812420667
Direttore responsabile Berardo Santilli

La redazione può essere contattata al


Politica d'uso dei Cookies su AbruzzoWeb

Alcune foto potrebbero essere prese dal Web e ritenute di dominio pubblico; i proprietari contrari alla pubblicazione potranno segnalarcelo contattando la redazione.
Powered by Digital Communication  -  Developed by MA-NO
 
X

Questo sito utilizza dei cookie per monitorare e personalizzare l'esperienza di navigazione degli utenti. Continuando a navigare si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito.
Per avere più informazioni o modificare le impostazioni sui cookie clicca qui