FESTIVAL PARTECIPAZIONE: ON LINE BILANCIO
2016, MA VOCI AGGREGATE E POCO CHIARE

Pubblicazione: 08 luglio 2017 alle ore 07:29

di

L'AQUILA - E alla fine, dopo quasi un anno, il bilancio della prima edizione del festival della partecipazione dell'Aquila è stato pubblicato sul sito dell'evento, peraltro proprio nel giorno in cui ha preso il via la seconda edizione.

Peccato, però, che le voci di spesa sono aggregate, e dunque il cittadino desideroso di informarsi non venga messo in condizione di partecipare all'esercizio del controllo e valutazione nel merito su come vengono usati i suoi soldi che finanziano il festival, verificando voce per voce, e destinatario per destinatario.

In particolare, questo vale per il capitolo di spesa di gran lunga più corposo, quello destinato a "spese per promozione, pubblicità e tipografia", pari a oltre 226 mila euro su 381 mila complessivi. In più, maggiore completezza d'informazione sarebbe stata opportuna anche alla voce entrate, ovvero su chi ha finanziato l’evento.

Ad aver insistito sull'importanza di mettere in chiaro l'elenco completo dei finanziatori e delle spese, possibilmente con voci disaggregate, era stato proprio AbruzzoWeb.

Il minimo sindacale per una kermesse dalla valenza nazionale, organizzata da Comune dell’Aquila, Actionaid, Cittadinanzattiva e Slow Food, che mette al centro la partecipazione della cittadinanza e con essa la trasparenza, gli open data, l'ideale della pubblica amministrazione come palazzo di vetro.

Un evento che si è avvalso, nella scorsa edizione, quella d'esordio, della preziosa collaborazione di oltre 100 volontari, dunque non retribuiti. E lo stesso sta facendo nella seconda, caratterizzata da decine di incontri e dibattiti di indubbio spessore e interesse, con ospiti, però, saltati, dal ministro Marianna Madia al segretario Cgil Susanna Camusso a quello Fiom Maurizio Landini.

Importante sarebbe, per il Festival, dare il buon esempio proprio in materia di partecipazione.

Non solo a molti enti pubblici, che nonostante i nuovi obblighi delle norme dell'amministrazione trasparente, hanno spesso una insopprimibile reticenza a pubblicare tutti i dati sensibili in modo comprensibile anche al cittadino medio, ma anche alle associazioni culturali e onlus che ottengono, com'è giusto che sia, finanziamenti pubblici per le loro iniziative, ma poi si guardano bene dal rendere trasparenti i rendiconti, anche oltre gli obbighi di legge.

Venendo dunque al bilancio: alla voce entrate, si legge, il Comune capoluogo ha contribuito con la somma di 169.952 euro: una cifra superiore, è già stato osservato, a quanto dato alla Perdonanza celestiniana, che è l'evento tradizionale e identitario della città.

La Regione Abruzzo ci ha messo 5 mila euro, la Camera di Commercio dell’Aquila 3 mila, la Confederazione italiana agricoltura (Cia) con 2.500 euro.  A questi si aggiunge un contributo da Cittadinanza Attiva 4.718.

Fondi non sufficienti, per arrivare al fabbisogno, tanto che il progetto 2016 ha chiuso con un risultato di gestione negativo pari a 197.741 euro.

Somma che, si evidenzia nella nota integrativa, è stato interamente ripianato e rifinanziato da partners del Comitato stesso in base a precisi impegni formalizzati dagli Enti coinvolti.

Ovvero Action Aid con 131.827 euro, a  copertura dei due terzi del disavanzo e Cittadinanza Attiva con 65.913 euro a copertura di un terzo del disavanzo.

Non è, però, possibile sapere se si tratta di fondi sottratti al loro bilancio ordinario, oppure di fondi pubblici indiretti destinati al Festival.

Per la cronaca il Festival della Partecipazione, per la seconda edizione ha ricevuto dal Comune 92.272 euro presi dal 4% dei fondi della ricostruzione, come documentato da questo giornale, pur avendo diritto, secondo i criteri, a 137.745 euro, che non sono arrivati solo perché l'evento era all'ultimo posto della graduatoria e si è esaurito prima il budget, ottendendo così un contributo parziale.

Fondi pescati dal “pozzo” della quota del budget della ricostruzione 2009 destinato, oltre che allo sviluppo economico, appunto anche alle attività culturali, in questo caso per un totale di 950 mila euro per L’Aquila e 417 mila per il “cratere”. Questo in base a una delibera approvata l'8 giugno dalla Giunta Cialente, a tre giorni dal primo turno delle elezioni che, poi, al ballottaggio avrebbero eletto Pierluigi Biondi nuovo sindaco.

Sul bando, lo scorso aprile c’era stato uno scontro feroce tra l’ex assessore al ramo Betty Leone, ora sostituita da Sabrina Di Cosimo, e il Movimento 5 stelle, che aveva denunciato il rischio di "assegnazioni poco trasparenti".

Tornando comunque al bilancio del Festival della partecipazione 2016, scorrendo le cifre si rivela un evento soprattutto mediatico, visto che il grosso, 226.370 euro, se n'è andato per "spese per promozione, pubblicità e tipografia", come si conviene a un evento di portata nazionale, che deve essere promosso oltre i confini regionali, necessità che inevitabilmente fa lievitare le spese.

Altro oltre a queste sommarie informazioni, tuttavia, non è dato sapere, in particolare a beneficio di chi e per fare cosa esattamente siano stati impiegati i quattrini.

Altre voci pesanti sono quelle per i "compensi ai collaboratori e consulenti", 46.450 euro e spiccioli, ma anche qui altro non si dice, e ancora "Viaggi e ospitalità", 45.035 euro, "collaborazioni artistiche" 15.277 euro, "attrezzature tecniche e allestimenti", 20.741 euro, "catering" 7.951 euro, "materiali ufficio, libri, audio e video", 6.117 euro, "donazioni e contributi attività".

"Nella sua struttura portante - si legge poi nella parte descrittiva del documento - il Festival della Partecipazione si è sviluppato nell’arco dei 4 giorni, contando 80 eventi in calendario che hanno visto impegnati 170 relatori. Quattro giorni di lectio magistralis, tavole rotonde, dialoghi, ma anche role-playing, simulazioni laboratoriali, attivazione di modalità teatrali per il coinvolgimento del pubblico, spettacoli".

L’anno scorso i "vip" sono stati il ministro del Lavoro Giuliano Poletti e il segretario nazionale della Cgil Susanna Camusso, che hanno anche pranzato al Parco del Castello, in compagnia del comico Enrico Bertolino, con gli operai impegnati nella ricostruzione post sisma.

E ancora, nei vari convegni, dibattiti e seminari, l’ex ministro della Coesione territoriale Fabrizio Barca, il presidente e fondatore di Slow food Carlo Petrini, il fondatore di Libera don Luigi Ciotti, il giornalista televisivo Diego Bianchi, alias Zoro, la politologa e accademica Nadia Urbinati, il filosofo Giulio Giorello, il vice direttore del Corriere della Sera Barbara Stefanelli, la redazione della fortunata trasmissione radiofonica Tutta la città ne parla, a cominciare dal presentatore Pietro Del Soldà.

Presenze più o meno fisse quelle di Marco De Ponte, direttore generale di ActionAid Italia, Antonio Gaudioso, presidente di Cittadinanzattiva, e Francesca Rocchi vice presidente di SlowFood Italia.

Tra le decine d’incontri, dibattiti e workshop anche quello sulla simulazione dei processi di Bilancio partecipato, in collaborazione con il Centro de Estudos Sociais da Universidade de Coimbra in Spagna, e su open-ricostruzione, partecipazione e trasparenza.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

ARTICOLI CORRELATI:

FESTIVAL PARTECIPAZIONE: UN RICCO BUDGET DA 384 MILA EURO, 'PRESTO BILANCIO ONLINE'

di Filippo Tronca
L'AQUILA - “Cittadini di serie A”: questo lo slogan della seconda edizione del Festival della partecipazione, che si svolgerà dal 6 al 9 luglio prossimi all’Aquila, organizzato da Cittadinanza attiva, Slow food, Action aid e Comune... (continua)

ALTRE NOTIZIE



ACCADEMIA DELLE SCIENZE D’ABRUZZO, EVENTO A MONTESILVANO
SU AMBIENTE, SALUTE E MONDO PRODUTTIVO
CON LIBRI E TAVOLE ROTONDE

Diretta video venerdi 15 dicembre, a partire dalle ore 17.00


 CONTATTA LA REDAZIONE 2003- 2017 Enfasi srl
INFORMAZIONI COMMERCIALI .
Enfasi srl - Quotidiano digitale registrato presso il Tribunale dell'Aquila con decreto n°501 del 2 settembre 2003
Iscrizione al ROC n. 26362 - P.IVA 01812420667
Direttore responsabile Berardo Santilli

La redazione può essere contattata al


Politica d'uso dei Cookies su AbruzzoWeb

Alcune foto potrebbero essere prese dal Web e ritenute di dominio pubblico; i proprietari contrari alla pubblicazione potranno segnalarcelo contattando la redazione.
Powered by Digital Communication  -  Developed by MA-NO
 
X

Questo sito utilizza dei cookie per monitorare e personalizzare l'esperienza di navigazione degli utenti. Continuando a navigare si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito.
Per avere più informazioni o modificare le impostazioni sui cookie clicca qui