EMIGRATO IN CANADA A 92 ANNI TORNA IN ABRUZZO E SCALA IL CORNO GRANDE Abruzzo Web Quotidiano on line per l'Abruzzo. Notizie, politica, sport, attualitá.

IMPRESA RIUSCITA PER ATTILIO DE AMICIS, ORIGINARIO DI VICOLI. TANTI
GIOVANI HANNO CHIESTO UN SELFIE PER IMMORTALARE IL MOMENTO

EMIGRATO IN CANADA A 92 ANNI TORNA
IN ABRUZZO E SCALA IL CORNO GRANDE

Pubblicazione: 10 agosto 2018 alle ore 17:45

di

L’AQUILA - A 92 anni torna dal Canada, dove è emigrato nel 1952, e scala il Corno Grande, tra i complimenti e lo stupore di giovani e giovanissimi, attirando l’attenzione anche dei più esperti, che giudicano quel percorso “impossibile” per una persona avanti con l’età.

È l’impresa compiuta da Attilio De Amicis, nato a Vicoli (Pescara) il 17 settembre del 1926, emigrato in Canada, Niagara Falls, nel 1952, ma “follemente innamorato del suo Abruzzo e delle sue montagne”, che ieri ha voluto ripetere quell’avventura già realizzata a 80 anni, di salire sulla vetta più alta della regione, a 2.912 metri sul livello del mare.

Ad accompagnarlo in questa impresa sono stati il figlio Fabio e il nipote Gabriele Iampieri.

“In 4 ore, passando per la via normale, è arrivato in cima raccogliendo lo stupore e le congratulazioni di tanti appassionati della montagna che hanno scelto la stessa meta - racconta ad AbruzzoWeb il nipote del 92enne - Era già salito più volte, ma non ricordava fosse così difficile, soprattutto il tratto finale, che è quasi in verticale, alla fine con forza e determinazione non ha mollato ed è arrivato in cima. Lì tantissimi ragazzi, non credendo ai loro occhi, hanno voluto fare un selfie con lui, gli è tornato il sorriso ed è stato fiero del suo risultato”.

Iampieri è iscritto al Cai (Club Alpino Italiano) e la montagna la conosce molto bene, per questo spiega che “è quasi impossibile incontrare persone di 92 anni sul Corno Grande, mio zio è in ottima forma, non prende medicine, ma è comunque un’impresa ardua, anche perché in Canada non ci sono paesaggi del genere”.

In Canada De Amicis “si è specializzato in edilizia, ma appena arrivato, come molti italiani del tempo, ha lavorato in qualunque settore. Ha sempre avuto una forza e una grinta straordinaria - racconta il nipote - un carattere che non ha perso con l’avanzare dell’età”.

Ad attenderlo a casa sua moglie Giulia, per nulla convinta di quest’avventura, come spiega sorridendo Iampieri: “Ci hanno presi per matti un po’ tutti, da sua moglie a madre, ci hanno detto ‘ma dove andate?’ e anche, ‘è pericoloso, lasciate perdere’, ma Attilio non ha voluto sentire ragioni e alla fine ha raggiunto, contro ogni aspettativa, la sua meta”, conclude.



© RIPRODUZIONE RISERVATA


ALTRE NOTIZIE

  • Abruzzoweb sponsor
  • Belle d'Abruzzo
  • Belle d'Abruzzo
  • Belle d'Abruzzo
  • Belle d'Abruzzo
  • Belle d'Abruzzo
  • Belle d'Abruzzo
Radio L'Aquila 1
ALTRI CANALI
Sanita'
Dal Mondo
Dall'Italia
Il Fatto
L'Aquila che riparte
Necrologie
Notizie liete
Qua la zampa
Terremoto e ricostruzione
»   Ariete
»   Toro
»   Gemelli
»   Cancro
»   Leone
»   Vergine
»   Bilancia
»   Scorpione
»   Sagittario
»   Capricorno
»   Acquario
»   Pesci
FEEDS RSS
Feed Rss AbruzzoWeb
PERSONAGGI
AbruzzoGreen
 CONTATTA LA REDAZIONE 2003- 2018 Enfasi srl
INFORMAZIONI COMMERCIALI .
Enfasi srl - Quotidiano digitale registrato presso il Tribunale dell'Aquila con decreto n°501 del 2 settembre 2003
Iscrizione al ROC n. 26362 - P.IVA 01812420667
Direttore responsabile Berardo Santilli

La redazione può essere contattata al


Politica d'uso dei Cookies su AbruzzoWeb

Alcune foto potrebbero essere prese dal Web e ritenute di dominio pubblico; i proprietari contrari alla pubblicazione potranno segnalarcelo contattando la redazione.
Powered by Digital Communication  -  Developed by MA-NO
 
X

Questo sito utilizza dei cookie per monitorare e personalizzare l'esperienza di navigazione degli utenti. Continuando a navigare si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito.
Per avere più informazioni o modificare le impostazioni sui cookie clicca qui