PARERE DELL'AVVOCATURA, PER RISPARMIARE SI' AD ALTRI 2 MESI DI PROROGA
IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO: ''NO A DATA ANTICIPATA SOLO PER UNO SFIZIO''

ELEZIONI REGIONALI: VOTO A MAGGIO 2014
OK DEL VIMINALE, PAGANO SFIDA CHIODI

La sede del Consiglio regionale
Pin It
di

L’AQUILA - In Abruzzo si può votare il 25 e 26 maggio del prossimo anno, in concomitanza con l’election day delle elezioni europee: il via libera arriva dal ministero dell’Interno.

Il Viminale basa il suo pronunciamento su un parere dell’Avvocatura dello Stato fondato su una norma sulla riduzione della spesa pubblica che permette l’accorpamento delle scadenze elettorali, richiamando anche i dettami della Costituzione sulla finanza pubblica.

Sarà così consentito anche il riallineamento, attraverso l’allungamento di circa 2 mesi, del voto abruzzese che si celebrò anticipatamente il 15 dicembre 2008 in seguito agli sviluppi dell’inchiesta “Sanitopoli” che dacapitò la Giunta regionale con le dimissioni dell’allora governatore, Ottaviano Del Turco, condannato in primo grado a nove anni e mezzo proprio in questi giorni.

All’Avvocatura si erano rivolti gli stessi dirigenti dell’Interno in seguito al quesito posto dal presidente della Giunta, Gianni Chiodi, e dal presidente del Consiglio regionale, Nazario Pagano, in un incontro di qualche settimana alla presenza del ministro Angelino Alfano e del suo ormai ex capo di gabinetto Giuseppe Procaccini, che si è dimesso poi per il caso Shalabayeva.

Il parere legale e la posizione degli Interni che caldeggiano l’ipotesi dell’election day a maggio sono stati resi noti sia a Chiodi, che più volte in passato si è detto favorevole a un voto alla scadenza naturale, sia a Pagano, che, invece, fin dall’inizio ha parteggiato per il riallineamento.

Solo Pagano commenta ad AbruzzoWeb la notizia arrivata da Roma e le sue parole potrebbero innescare uno scontro ufficiale tra i due vertici dell’amministrazione regionale.

“Dopo il parere dell’Avvocatura dello Stato non mi assumo la responsabilità di far pagare agli abruzzesi per uno sfizio di qualcuno di andare al voto prima - attacca - mi assumo invece la responsabilità di lavorare per riallineare le elezioni. Portare al voto per due volte gli abruzzesi non è intelligente”.

“Lo dirò a Chiodi che alla fine dovrà decidere - continua - Certo, non tutti saremo d’accordo ma che credo che facendo prevalere il buon senso e il buon governo non si può che decidere per il 25 maggio”.

La presa di posizione del ministro non è certamente vincolante, perché a decidere sarà sempre il presidente Chiodi, d’intesa con il presidente della Corte d’Appello, il magistrato Stefano Schirò, e dopo aver sentito proprio Pagano.

Tuttavia, la velina del Viminale è destinata a segnare un’accelerazione rispetto all’imbarazzante impasse che si registra ormai da mesi sulla decisione della data delle elezioni in Abruzzo. Per molti la data di maggio scatta ora in pole position, sopravanzando le altre ipotesi in ballo.

E fungerà anche come monito per una decisione ufficializzata in tempi brevi, visto che lo stallo sta provocando polemiche e tensioni, soprattutto in seno alla maggioranza di centrodestra e che per molti ha già assunto le caratteristiche di uno sgarbo istituzionale.

La data ballerina, infatti, sta tenendo nell’incertezza più totale non solo i consiglieri regionali uscenti ma anche quanti aspirano a candidarsi e quanti devono organizzarsi rispetto all’evento elettorale. Senza contare il diritto dei cittadini a essere informati.

Finora negli ambienti politici si erano fatte le ipotesi del 17 novembre prossimo, per la quale si sono più volte detti favorevoli Chiodi e il centrosinistra, quest’ultimo almeno pubblicamente, e del 9 e 10 marzo 2014, considerando che le legge regionale prevede che le elezioni possano essere fissate un mese prima della data dell’ultima votazione e tre mesi dopo.

Ora il ministero, attraverso l’Avvocatura, spiega che si può allungare la legislatura di circa 2 mesi e mezzo.

UNA GARANZIA DI LEGGE E COSTITUZIONALE

Sulla decisione della data da settimane tutti sottolineano che bisogna tenere conto della necessità di risparmio, visto che un’elezione non allineata costa circa 8 milioni di euro, e dell’esigenza di creare le condizioni di una maggiore affluenza possibile al voto alla luce del difficile rapporto tra cittadini e politica sfociata in clamorosi cali di percentuali di votanti.

E in tal senso, come sottolineato dal presidente Pagano, il riallineamento sintetizza entrambe le esigenze.

Il presidente del Consiglio sfida tutti coloro che vogliono andare al voto prima: “Questo mancato allineamento dell’Abruzzo dipende da un fatto di forza maggiore - spiega - infatti, nel 2008 in Abruzzo ci fu l’inchiesta giudiziaria Sanitopoli che determinò il voto anticipato, ora c’è una norma che consente di riallineare non solo per il 2014 ma anche per il futuro creando le condizioni per un risparmio di danaro di circa 8 milioni di euro per ogni elezioni”.

Per Pagano, “secondo una stima nel giro di 25 anni si risparmieranno almeno 30 milioni di euro. E poi c’è un aspetto non secondario rilevato dallo stesso ministero: statisticamente i cittadini si recano alle urne con maggiori percentuali quando ci sono competizioni nazionali ed europee”.

Secondo l’Avvocatura la consiliatura regionale in Abruzzo può essere allungata, considerando che si votò il 15 dicembre 2008, sulla base del decreto 98 del 2011 sulla spending review che, richiamando gli articoli 117 e 120 della Costituzione relativi alla finanza pubblica, permette l’accorpamento di scadenze elettorali amministrative, regionali ed europee al fine della riduzione della spesa pubblica.

In tal modo ha dato risposto al quesito posto da Chiodi e Pagano che hanno chiesto se ci fosse una norma che avrebbe “coperto” gli oltre 2 mesi di allungamento.

“La norma contenuta nel decreto 98 del 2011 prevede l’election day con l’accorpamento delle elezioni locali e regionali con quelle europee collegandolo agli articoli 117 e 120 della Costituzione che riguardano la finanza pubblica. Quindi abbiamo una norma nazionale accompagnata da una garanzia costituzionale che ci mette al riparo da ogni ricorso essendoci condizioni legislative”, conclude Pagano.

Ora sarà Chiodi, l’unico che può firmare il decreto di indizione delle elezioni, additato da più parti di essere l’ispiratore della “melina” in atto da troppo tempo, a dover compiere il passo decisivo.

Nella considerazione che, a complicare ancora il quadro, c’è lo snervante meccanismo delle ineleggibilità previste dalla “legge antisindaci”, la 51 del 2004: amministratori e dirigenti di enti pubblici devono rimuoverle dimettendosi o andando in aspettativa (la seconda solo i dirigenti) entro 3 mesi dalla presentazione delle candidature, che a sua volta arriva un mese prima del voto.

Di qui la somma dei 4 mesi necessari per rimuovere l’ineleggibilità così da essere liberi di potersi candidare.

Alcuni dirigenti hanno già provveduto a malincuore a rinunciare al loro stipendio, lasciando sguarnite le loro scrivanie e causando danno ai cittadini quasi un anno prima del voto, se veramente si opterà per maggio.

Ecco perché qualcuno di loro, irritato, ha chiesto ai maggiorenti della Regione di darsi una mossa a decidere.

I politici, invece, restano in sella, sperando che la data venga comunicata loro oltre 120 giorni prima così da rendere l’iter sereno e non rischiare l’esclusione dai giochi.

29 luglio 2013 - 08:10 - © RIPRODUZIONE RISERVATA



ARTICOLI CORRELATI:

ELEZIONI REGIONALI IL 9 E 10 MARZO 2014 PD: ''MEGLIO NOVEMBRE'', PDL IN PRESSING

di Alberto Orsini e Berardino Santilli
L'AQUILA - Le elezioni regionali si terranno a metà marzo 2014: una delle ipotesi più gettonate è il weekend 9-10. La data è già stata concordata all'interno del centrodestra tra il governatore Gianni Chiodi e il presidente... (continua)

ELEZIONI REGIONALI: SCONTRO SULLE DATE SPUNTA L'IPOTESI DEL 17 E 18 NOVEMBRE

di Berardino Santilli
L'AQUILA - Per il voto regionale accanto alla ipotesi del 9 e 10 marzo, data per la quale parteggiano in molti e che sembrava la più percorribile, spunta fuori, a sorpresa per la verità, quella del... (continua)

ELEZIONI REGIONALI, LA DATA MISTERIOSA IL VIMINALE TACE E RITARDARE CONVIENE

di Berardino Santilli
L’AQUILA - Ancora incertezza sulla data delle elezioni regionale in Abruzzo, dove la consiliatura scade il 15 dicembre prossimo. E questo rende ancora più confusa la situazione in seno ai partiti, chiamati ad affilare le armi per... (continua)

REGIONALI: PAGANO, ''DATA DOVRA' ESSERE INATTACCABILE DA CHI SPECULA''

PESCARA - "Siamo in attesa che il Viminale dia risposte al quesito posto da me e dal presidente dell'esecutivo abruzzese, Gianni Chiodi. Tra normativa regionale e nazionale vogliamo scegliere una data inattaccabile da chi potrebbe speculare". Lo... (continua)

REGIONALI: LA DATA 'BALLERINA' FA DANNI SCADUTI 4 MESI PER DIMETTERSI MA E' CAOS

di Alberto Orsini
L’AQUILA - Chi è fuori è fuori, chi è dentro è dentro, ammesso che si voti a novembre. Scadevano teoricamente ieri, infatti, i 120 giorni prima dei quali si deve dimettere chi ha intenzione di candidarsi alle... (continua)

NEWS
 
23.10.2014 SBLOCCA ITALIA: LIRIS (FI), ''MISURE CONTRO L'AQUILA E GLI AQUILANI!''
23.10.2014 L'AQUILA, BANDI ESENZIONI TROPPO LENTI: L'ASSESSORE, ''RIMBORSI A CHI HA DIRITTO''
22.10.2014 REGIONE: FIRA, ''DATI SUL DEBITO FUORVIANTI, SIAMO IN UTILE''
22.10.2014 RICOSTRUZIONE: PIETRUCCI A LIRIS, ''LAVORARE INSIEME PER I FONDI''
21.10.2014 FORZA ITALIA: 'SOLITE' BORDATE DI FEBBO A PAGANO ''GESTIONE CARBONARA SU FUTURE ELEZIONI CHIETI''
21.10.2014 COMUNE L'AQUILA: IMPIANTI SPORTIVI, PADOVANI CHIAMA TERZA COMMISSIONE
21.10.2014 REGIONE: DEBITI DELLE SOCIETA' A 226 MILIONI, LA GIUNTA SI PREPARA A TAGLI E ACCORPAMENTI
21.10.2014 RICOSTRUZIONE: SCUOLE, DEL CORVO A CIALENTE, ''QUANDO L'ALBERGHIERO?''
21.10.2014 RICOSTRUZIONE: SCUOLE, SCOPPIA CASO MOZIONE IN COMUNE APL-LCV
21.10.2014 AEROPORTO L'AQUILA: CIALENTE, ''NON MI PENTO DEI FONDI A XPRESS MA CONTROLLARE''
notizie abruzzo
link Sponsorizzati

Velocitá Massima

Il brivido della velocitá pura

Non Vivo Scienza Te

Parliamo di Scienza con Loredana Sansone

BlueNote

Musica e dintorni

C come Blog

Passioni culinarie ed arte

CINEMATIK

Il cinema visto da dentro

C'ERA UNA VOLTA L'AQUILA

Tornare nel passato e rivivere emozioni uniche
SPECIALE
TERREMOTO E RICOSTRUZIONE
TERREMOTO E RICOSTRUZIONE, SPECIALE ABRUZZO
L'AQUILA CHE RIPARTE
TERREMOTO E RICOSTRUZIONE, L'AQUILA CHE RIPARTE
 
continua »
 
continua »
SOCIAL NETWORK
SERENA MENTE
  • Abruzzoweb sponsor
AbruzzoGreen
  MULTIMEDIA
Tutti i video »
  • Belle d'Abruzzo
  • Belle d'Abruzzo
  • Belle d'Abruzzo
  • Belle d'Abruzzo
  • Belle d'Abruzzo
  • Belle d'Abruzzo
  • Belle d'Abruzzo
iscriviti
Radio L'Aquila 1
Tour Progetto C.A.S.E.
Squadra Abruzzo
ALTRI CANALI
Elezioni
Elezioni Politiche 2013
Elezioni Regionali 2014
Primarie Pd L'Aquila 2014
INDICI DI BORSA
FTSE MIB Intraday
»   Ariete
»   Toro
»   Gemelli
»   Cancro
»   Leone
»   Vergine
»   Bilancia
»   Scorpione
»   Sagittario
»   Capricorno
»   Acquario
»   Pesci
FEEDS RSS
Feed Rss AbruzzoWeb
PERSONAGGI
 CONTATTA LA REDAZIONE 2003-2014 Enfasi srl
INFORMAZIONI COMMERCIALI .
Enfasi srl - Quotidiano digitale registrato presso il Tribunale dell'Aquila con decreto n°501 del 2 settembre 2003
Iscrizione al ROC n. 20485 - P.IVA 01812420667
Direttore responsabile Berardo Santilli
La redazione può essere contattata al tel 0862.442072/ fax 0862.760872

Alcune foto potrebbero essere prese dal Web e ritenute di dominio pubblico; i proprietari contrari alla pubblicazione potranno segnalarcelo contattando la redazione.
Powered by Digital Communication  -  Developed by MA-NO
 
X