• Abruzzoweb sponsor
  • Abruzzoweb sponsor
  • Abruzzoweb sponsor
Messaggio elettorale a pagamento

NELLA PALLA OVALE LA PIU' ALTA PRESENZA DI ATLETI UNIVERSITARI
L'EX CAPITANO NEROVERDE, DENTISTA: ''I VALORI DI QUESTO SPORT AIUTANO''

CAIONE: RUGBISTA E GENTILUOMO, ''PERCHE' MOLTI SONO LAUREATI''

Pubblicazione: 17 novembre 2011 alle ore 08:05

Carlo Caione nei suoi primi anni in neroverde
di

L’AQUILA - Ripercorrere a ritroso la storia della palla ovale è un’impresa ardua: le ipotesi sono infatti molte e le certezze davvero poche, secondo la cronaca più accreditata nasce in un aristocratico college inglese, quello di Rugby appunto.

E quell’aristocratico college inglese ha in qualche modo continuato a ispirare gli atleti di oggi: non sarà certo un caso che tra i rugbisti il numero di laureati sia molto più elevato rispetto a sportivi di altre discipline.

Se poi pensiamo al “physique du role”, all’impegno, alla passione, al sacrificio e alla sfida con la vita per costruirsi qualcosa di solido oltre il campo, non può non venire in mente un campione aquilano doc, Carlo Caione.

E con lui, interrogandosi sul perché nella palla ovale ci sia un gran numero di atleti laureati, AbruzzoWeb parla proprio di questo, della difficoltà di mettere insieme due aspetti  importanti: lo sport a certi livelli e la professione (di dentista), gli allenamenti e le lezioni universitarie.

“Sono riuscito senza alcuna difficoltà a conciliare la pratica sportiva con i miei studi - spiega - laureandomi a solo 24 anni”.

Carlo, odontoiatria, con un obbligo di frequenza universitaria da rispettare, svolgeva l’allenamento individuale durante la pausa pranzo e la sera si allenava con i compagni.

“La pratica dello sport non deve essere considerata una distrazione rispetto agli studi - continua - bensì un’opportunità, quel valore aggiunto che ci consente di imparare a ottimizzare il tempo, rendendoci più responsabili e quindi più efficienti, così è stato per me”.

“Una volta approdato nel rugby professionistico - racconta - avevo già la laurea in tasca e questo ha reso sicuramente le cose più facili, mi ha consentito di dedicarmi completamente allo sport che, a certi livelli, richiede sicuramente tempi e impegni maggiori”.

“La mia convinzione, oggi come ieri - continua - è quella di fare una sola cosa per volta e farla bene: smesso di giocare, ho infatti rinunciato alle proposte provenienti dall’ambiente sportivo e mi sono totalmente dedicato al mio lavoro”.

Secondo Caione, “nel rugby la percentuale dei laureati è sicuramente maggiore rispetto ad altri settori. Gli elementi che condizionano questa tendenza - sottolinea - sono, a mio avviso, più di uno: da un lato i valori propri di questo sport, la forma mentis che esso contribuisce a creare, l’elevato aspetto umano che connota l’ambiente del rugby, la ricerca dei risultati, ma non va trascurato anche l’aspetto economico, gli scarsi profitti rispetto ad altri ambienti portano comunque a dover pensare al futuro in un’altra ottica”.

“E tutti questi elementi - sostiene l’ex capitano neroverde - fanno sì che per noi ex rugbisti non ci siano ‘sindromi di fine carriera’, bensì la voglia di ripartire per nuove sfide e lo stimolo a rimetterci in discussione per il perseguimento di risultati importanti”.

Carlo chiude la conversazione con un bel messaggio all’indirizzo dei giovani e delle loro famiglie.

“Non comprendo - sottolinea - l’atteggiamento di quei genitori che precludono ai figli la pratica di discipline sportive perché considerate una distrazione per lo studio: vorrei che il mio esempio personale e quello di molti altri miei colleghi servisse a far capire che lo sport, oltre a essere una magnifica esperienza di vita,  insegna in nome dell’efficienza a ottimizzare i tempi, a stare lontani proprio dalle distrazioni stesse e soprattutto, aiuta a produrre endorfine che regalano  buonumore”.

Alla fine di questa intervista, interessante quanto l’imprevedibile traiettoria che la palla ovale disegna a ogni suo lancio, viene da pensare che il rugby sia uno sport che forma la testa o forse che, se non hai la testa, proprio non puoi giocare a rugby.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

...
  • Abruzzoweb sponsor
  • Abruzzoweb sponsor
  • Abruzzoweb sponsor
  • Abruzzoweb sponsor
  • Abruzzoweb sponsor
  • Abruzzoweb sponsor

ALTRE NOTIZIE

  • Abruzzoweb sponsor
    Abruzzoweb sponsorAbruzzoweb sponsorAbruzzoweb sponsorAbruzzoweb sponsor
Messaggio elettorale a pagamento
    Abruzzoweb sponsorAbruzzoweb sponsorAbruzzoweb sponsorAbruzzoweb sponsor
Messaggio elettorale a pagamento
    Abruzzoweb sponsorAbruzzoweb sponsorAbruzzoweb sponsorAbruzzoweb sponsor
Messaggio elettorale a pagamento
  • Belle d'Abruzzo
  • Belle d'Abruzzo
  • Belle d'Abruzzo
  • Belle d'Abruzzo
  • Belle d'Abruzzo
  • Belle d'Abruzzo
Radio L'Aquila 1
ALTRI CANALI
I belli d'Abruzzo
Le belle d'Abruzzo
»   Ariete
»   Toro
»   Gemelli
»   Cancro
»   Leone
»   Vergine
»   Bilancia
»   Scorpione
»   Sagittario
»   Capricorno
»   Acquario
»   Pesci
FEEDS RSS
Feed Rss AbruzzoWeb
PERSONAGGI
AbruzzoGreen
 CONTATTA LA REDAZIONE 2003- 2019 Enfasi srl
INFORMAZIONI COMMERCIALI .
Enfasi srl - Quotidiano digitale registrato presso il Tribunale dell'Aquila con decreto n°501 del 2 settembre 2003
Iscrizione al ROC n. 26362 - P.IVA 01812420667
Direttore responsabile Berardo Santilli

La redazione può essere contattata al


Politica d'uso dei Cookies su AbruzzoWeb

Alcune foto potrebbero essere prese dal Web e ritenute di dominio pubblico; i proprietari contrari alla pubblicazione potranno segnalarcelo contattando la redazione.
Powered by Digital Communication  -  Developed by MA-NO
 
X

Questo sito utilizza dei cookie per monitorare e personalizzare l'esperienza di navigazione degli utenti. Continuando a navigare si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito.
Per avere più informazioni o modificare le impostazioni sui cookie clicca qui