• Abruzzoweb sponsor

ARTE: DI NINO DA MEDICO AD ARTISTA, E ADESSO
DIPINGE LE CHIESE E I PALAZZI DELLA TRANSUMANZA

Pubblicazione: 02 ottobre 2015 alle ore 08:44

L'AQUILA - Un viaggio lungo i paesaggi e gli scorci architettonici situati lungo le vie del tratturo.

È quanto raffigurato nei lavori dell'abruzzese Mario Di Nino che sono stati esposti al Palazzetto dei Nobili dell'Aquila, per la mostra inserita nell'ambito della Perdonanza celestiniana “Chiese e Palazzi della transumanza”.

Nato a Pratola Peligna (L'Aquila) 73 anni fa, Di Nino è un ex ginecologo che, per anni, ha lavorato all'opedale di Avezzano (L'Aquila). Da sempre interessato all'arte, una volta andato in pensione ha deciso di rimettersi in gioco e di dedicarsi a totalmente questa sua passione iscrivendosi ai corsi dell'Accademia di Belle Arti del capoluogo, dove ora sta addirittura per conseguire una laurea specialistica.

E poco meno di un mese fa tutte le sue opere sono state esposte per la mostra al Palazzetto dei Nobili riscuotendo, come l'artista stesso tiene a raccontare "un discreto successo anche tra gli aquilani più veraci".

Si tratta, più precisamente, di una serie di raffigurazioni incentrate sulle emergenze artistiche, civili e religiose che si snodano lungo la via del tratturo, tutte realizzate con varie tecniche d’incisione, tra cui maniera nera, acquatinta, acquaforte e puntasecca, utilizzando inchiostri preparati personalmente da Di Nino e che il docente di grafica dell’Accademia di Belle Arti del capoluogo, Fabio Di Lizio, ha voluto definire un documento importante di "un territorio e un senso di appartenenza affettiva che, già dai disegni preparatori rigorosamente eseguiti sul posto, raccontano quella linea indelebile che lega l’uomo al suo ambiente e ai suoi ricordi".

"L'insieme dei miei lavori costituisce un viaggio tra le chiese, i palazzi e gli angoli più caratteristici della Regione - spiega lo stesso Di Nino ad AbruzzoWeb - in cui ad essere vivo è il ricordo, inteso soprattutto come quel filo invisibile che tiene unito l'uomo con l'ambiente in cui vive".

Un tema, quello del ricordo, particolarmente apprezzato, soprattutto nell'ambito delle raffigurazioni incentrate sull'Aquila centro e sugli altri luoghi colpiti e devastati dal terremoto del 2009. Interessante, a detta dello stesso artista, è stato infatti "notare come molti dei visitatori aquilani della mostra a un certo punto non riuscissero più a riconoscere nemmeno quei luoghi in cui sono nati e in cui hanno vissuto per anni".

"Il successo della mostra - ha concluso Di Nino in tal senso - mi ha confermato come il ricordo sia una delle componenti fondamentali della storia, della cultura e dell'economia di un luogo. Una componente che va quindi valorizzata e coltivata in continuazione, in quanto rappresenta a tutti gli effetti l'unione che intercorre tra l'essere umano e tutto ciò che lo circonda".



© RIPRODUZIONE RISERVATA


ALTRE NOTIZIE

 CONTATTA LA REDAZIONE 2003- 2019 Enfasi srl
INFORMAZIONI COMMERCIALI .
Enfasi srl - Quotidiano digitale registrato presso il Tribunale dell'Aquila con decreto n°501 del 2 settembre 2003
Iscrizione al ROC n. 26362 - P.IVA 01812420667
Direttore responsabile Berardo Santilli

La redazione può essere contattata al


Politica d'uso dei Cookies su AbruzzoWeb

Alcune foto potrebbero essere prese dal Web e ritenute di dominio pubblico; i proprietari contrari alla pubblicazione potranno segnalarcelo contattando la redazione.
Powered by Digital Communication  -  Developed by MA-NO
 
X

Questo sito utilizza dei cookie per monitorare e personalizzare l'esperienza di navigazione degli utenti. Continuando a navigare si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito.
Per avere più informazioni o modificare le impostazioni sui cookie clicca qui