• Abruzzoweb sponsor

AGRICOLTURA: IN ABRUZZO 17 MILIONI PER PROGETTO TECNOLOGIA ''IDEA''

Pubblicazione: 19 ottobre 2019 alle ore 17:10

PESCARA - Con un finanziamento del Ministero per lo Sviluppo Economico pari a circa 17 milioni di euro, entra nella fase operativa il progetto "Idea, Informed DEcisions for Precision Agriculture", il primo progetto in Abruzzo che integra strumenti e tecnologie dell'agricoltura di precisione, per migliorare la qualità tecnologica ed igienico-sanitaria della viticoltura in Abruzzo.

Dietro Idea c'è il lavoro sinergico di "Ab.Side", un brand di partner pubblici e privati di altissimo livello, che contiene il meglio dell'economia regionale e che in nome della ricerca unisce Confindustria Chieti, Pescara e Teramo, Federmanager Abruzzo e Molise, la Camera di Commercio Chieti-Pescara, l'Arap, con la compartecipazione della Regione Abruzzo e il supporto degli atenei abruzzesi, nonché delle Università della Sapienza e la Tuscia.

Assodati i fondi, pari a oltre 16.5 milioni, il Mise ha ufficializzato la copertura finanziaria, e nei prossimi giorni i rappresentanti di Ab.Side, non solo istituzionali ma anche i numerosi partner privati si confronteranno con la Regione per verificare le attività necessarie a rendere operativo il progetto.

"Idea è un dinamico sistema di gestione integrata della produzione agricola primaria - illustra Franco D'Intino il presidente di Ab.Side, Consorzio per la ricerca 4.0 - Il progetto unisce enti e imprenditoria privata, nasce per rilevare dati e informazioni a diversa scala spaziale e temporale in grado di supportare le decisioni dei produttori agricoli, raccordando la produzione con la trasformazione agroindustriale. Consentirà di preservare la fertilità dei terreni minacciata dalle condizioni climatiche, di migliorare la qualità e salubrità delle produzioni e di ridurre anche le ingenti perdite e scarti di lavorazione".

"E' dunque una grandissima opportunità per la nostra agricoltura e soprattutto per il settore vitivinicolo che fa da traino all'economia dei territori abruzzesi. Il Mise ha coperto con 17 milioni di fondi europei l'importo di progetto, ora bisogna agire al più presto per stare nei tempi di attuazione previsti, in modo da mantenere i fondi e far partire studio e applicazione sul territorio".

"Con Idea sarà possibile risolvere alcune emergenze - continua D'Intino - tra cui l'acidità delle uve, che influenza negativamente la qualità dei vini e a ogni raccolto produce un impressionante quantitativo di scarti. Il progetto svilupperà una piattaforma digitale per dare la possibilità ai privati che lavorano in agricoltura di conoscere in tempo reale le caratteristiche del proprio terreno e ricevere supporto utile a prendere le decisioni giuste per programmare interventi irrigui, fertilizzazione e difesa dalle avversità, questo al fine di ottenere uve sane e con caratteristiche tecnologiche idonee e buttare il meno possibile".

Il mercato di riferimento è vastissimo, perché costituito da un lato dalle imprese agricole e agroindustriali di ogni tipo e dimensione, che per stare al passo coi tempi, stanno già ricorrendo ad un maggiore impiego delle nuove tecnologie sensoristiche, informatiche e anche robotiche di questo speciale settore agricolo.

Dall'altro lato i risultati del progetto potranno essere di supporto al settore industriale di produzione delle macchine e delle attrezzature, in grado di effettuare applicazioni cosiddette a rateo variabile, caratteristiche dell'agricoltura di precisione perché adottano criteri differenziati in base alla variabilità spaziale del terreno e del vigore vegetativo della coltura.

"Il monitoraggio costante delle colture andrà a garantire la continua raccolta e analisi dei dati per far fronte a problemi rilevati, come la mancanza o abbondanza d'acqua, la presenza di parassiti, nonché per prevenire malattie o cali nei raccolti - conclude D'Intino - Insomma molti problemi saranno affrontati con metodo scientifico, facendo storia in Abruzzo. Infatti ad oggi in Italia solo l'1% della superficie agricola coltivata adotta le tecnologie dell'agricoltura di precisione, ma si prevede un rapido incremento già a partire dal prossimo triennio".

"Un'occasione per tutti: per l'Abruzzo che farà da laboratorio, per gli enti promotori che saranno artefici di una svolta epocale nella produzione del settore e per l'alta imprenditoria di Abside, che supporterà la filiera vitivinicola verso traguardi in grado di dare al vino abruzzese nuove opportunità e un futuro ancora da scrivere", conclude D'Intino.



© RIPRODUZIONE RISERVATA


ALTRE NOTIZIE

 CONTATTA LA REDAZIONE 2003- 2019 Enfasi srl
INFORMAZIONI COMMERCIALI .
Enfasi srl - Quotidiano digitale registrato presso il Tribunale dell'Aquila con decreto n°501 del 2 settembre 2003
Iscrizione al ROC n. 26362 - P.IVA 01812420667
Direttore responsabile Berardo Santilli

La redazione può essere contattata al


Politica d'uso dei Cookies su AbruzzoWeb

Alcune foto potrebbero essere prese dal Web e ritenute di dominio pubblico; i proprietari contrari alla pubblicazione potranno segnalarcelo contattando la redazione.
Powered by Digital Communication  -  Developed by MA-NO
 
X

Questo sito utilizza dei cookie per monitorare e personalizzare l'esperienza di navigazione degli utenti. Continuando a navigare si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito.
Per avere più informazioni o modificare le impostazioni sui cookie clicca qui