AGRICOLTURA ABRUZZO: E' BOOM DI COLTIVAZIONE
E PRODUZIONE DEI GRANI ANTICHI E GENUINI

Pubblicazione: 24 ottobre 2018 alle ore 19:52

PESCARA - E’ boom in Italia e in Abruzzo di grani antichi, come il Senatore Cappelli, che nel 2017-2018 ha aumentato del 400% le superfici coltivate, passando dai 1000 ettari del 2017 ai 5000 attuali di cui circa il 10% nella nostra regione, trainato dal crescente interesse per la pasta 100% italiana e di qualità.

E’ quanto emerge da una analisi di Coldiretti in occasione del World Pasta Day che si festeggia in tutto il mondo il 25 ottobre, sulla base di dati di Consorzi Agrari d’Italia e Sis. 

Il Senatore Cappelli, sottolinea la Coldiretti, è ora il grano duro antico più coltivato in Italia dove è stato selezionato nel 1915 e, dopo essere arrivato a coprire più della metà della coltivazione di grano rivoluzionando la produzione di pane e pasta, negli anni ‘60 ha iniziato a scomparire tanto che venti anni fa nel 1996 la produzione era scesa a meno di 10 mila chili.

Ma tra i grani salvati dall’estinzione ci sono anche il Timilia, il Russello e in Abruzzo il Saragolla, la cui riscoperta è stata favorita anche dall’entrata in vigore in Italia dell’etichetta Made in Italy per la pasta che – spiega la Coldiretti - obbliga ad indicare la provenienza del grano utilizzato".

Un elemento di trasparenza che ha portato alla rapida proliferazione di marchi e linee che garantiscono l’origine nazionale al 100% del grano impiegato: da La Molisana ad Agnesi, da Ghigi a De Sortis, da Jolly Sgambaro a Granoro, da Armando a Felicetti, da Alce Nero a Rummo, da FdAI – Firmato dagli agricoltori italiani a “Voiello” che fa capo al Gruppo Barilla fino ad arrivare a tanti prestigiosi marchi di nicchia come l’abruzzese Verrigni o alle etichette nate negli ultimi anni per iniziativa dei cerealicoltori.

“Intanto avanza anche la produzione di grano bio– continua Coldiretti Abruzzo – , con il più grande accordo mai realizzato al mondo per quantitativi e superfici coinvolte siglato tra Coldiretti, Consorzi agrari d’Italia, Fdai (Firmato dagli agricoltori italiani) e il Gruppo Casillo che prevede la fornitura di 300 milioni di chili di grano duro biologico destinato alla pasta e 300 milioni di chili di grano tenero all’anno per la panificazione di cui 800mila chili complessivi di grano abruzzese biologico”.  

Coldiretti rileva che l’Italia è il principale produttore europeo e secondo mondiale di grano duro, destinato alla pasta con 4,3 milioni di tonnellate su una superficie coltivata pari a circa 1,3 milioni di ettari che si concentra nell’Italia meridionale.

"Va anche detto che gli italiani – conclude la Coldiretti – sono i maggiori consumatori mondiali di pasta con una media di 23 chili all’anno pro-capite e che l’Italia si conferma leader anche nella produzione industriale con 3,2 milioni di tonnellate, davanti a Usa, Turchia e Brasile".



© RIPRODUZIONE RISERVATA


ALTRE NOTIZIE

 CONTATTA LA REDAZIONE 2003- 2018 Enfasi srl
INFORMAZIONI COMMERCIALI .
Enfasi srl - Quotidiano digitale registrato presso il Tribunale dell'Aquila con decreto n°501 del 2 settembre 2003
Iscrizione al ROC n. 26362 - P.IVA 01812420667
Direttore responsabile Berardo Santilli

La redazione può essere contattata al


Politica d'uso dei Cookies su AbruzzoWeb

Alcune foto potrebbero essere prese dal Web e ritenute di dominio pubblico; i proprietari contrari alla pubblicazione potranno segnalarcelo contattando la redazione.
Powered by Digital Communication  -  Developed by MA-NO
 
X

Questo sito utilizza dei cookie per monitorare e personalizzare l'esperienza di navigazione degli utenti. Continuando a navigare si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito.
Per avere più informazioni o modificare le impostazioni sui cookie clicca qui