ABOLIZIONE PROVINCE: IL GOVERNO HA DECISO. SALVE CHIETI E L'AQUILA, OUT PESCARA E TERAMO

L'AQUILA - Alla fine anche Chieti ce l'ha fatta: manterrà la sua Provincia e farà coppia con L'Aquila.

Cadono sotto la scure del governo, invece, Pescara e Teramo, come già ampiamente annunciato.

Il Consiglio dei ministri, infatti, ha definito i criteri per il riordino delle province previsti dal decreto legge sulla spending review.

I requisiti richiesti per il salvataggio sono di avere almeno 350 mila abitanti ed estendersi su una superficie territoriale non inferiore ai 2.500 chilometri quadrati.

In prima battuta era stata ipotizzata un'ampiezza di 3 mila chilometri quadrati, circostanza che avrebbe condannato Chieti, mentre L'Aquila è stata graziata dalla previsione normativa che sono comunque salvaguardate le province sede del capoluogo di Regione.

Nei prossimi giorni il governo trasmetterà la deliberazione al Consiglio delle autonomie locali (Cal), istituito in ogni regione e composto dai rappresentanti degli enti territoriali (in mancanza, la deliberazione verrà trasmessa all’organo regionale di raccordo tra Regione ed enti locali).

La proposta finale sarà trasmessa da Cal e Regioni interessate al governo, il quale provvederà all’effettiva riduzione delle province promuovendo un nuovo atto legislativo che completerà la procedura.

Le nuove province eserciteranno le competenze in materia ambientale, di trasporto e viabilità, al contrario le altre saranno devolute ai Comuni, come stabilito dal decreto “Salva Italia”.

La soppressione delle province che corrispondono alle città metropolitane, dieci in tutto, tra cui Roma, Milano, Napoli, Venezia e Firenze, avverrà contestualmente alla creazione di queste entro il 1° gennaio 2014.

LA SITUAZIONE NEL RESTO D'ITALIA

Sulla base dei criteri di riordino delle Province approvati oggi dal governo, l’Ansa, su dati Istat, è in grado di dire che in Piemonte, su otto Province attuali, quelle salve sarebbero Torino, Cuneo e Alessandria; via le attuali Province di Vercelli, Asti, Biella, Verbano-Cusio e Novara.

In Lombardia rimarrebbero Milano, Brescia, Bergamo, Pavia mentre dovrebbero essere accorpate le attuali Province di Lecco, Lodi, Como, Monza Brianza, Mantova, Cremona, Sondrio e Varese.

Nel Veneto rimarrebbero in vita Venezia Verona e Vicenza. Accorpamento in vista per Rovigo, Belluno, Padova, Treviso.

In Liguria su quattro Province attuali ne scompaiono due, Savona e Imperia; salve Genova e La Spezia.

In Emilia Romagna sì a Bologna, Parma, Modena e Ferrara; accorpate Reggio Emilia, Ravenna, Forlì-Cesena, Rimini e Piacenza.

In Toscana, su dieci Province, si salverebbe solo Firenze: via Grosseto, Siena, Arezzo, Lucca, Massa Carrara, Pistoia, Prato, Pisa e Livorno.

In Umbria rimane solo Perugia, "salta" Terni; nelle Marche sarebbero salve Ancona Pesaro e Urbino, mentre non hanno i requisiti per sussistere Ascoli Piceno, Macerata e Fermo.

Nel Lazio rimarrebbero Roma e Frosinone, ma dovrebbero essere accorpate Latina, Rieti e Viterbo.

In Molise rimarrebbe solo la provincia di Campobasso, in Campania salve Napoli, Salerno, Caserta e Avellino, fuori solo Benevento.

In Basilicata rimarrebbe in vita la Provincia di Potenza, esclusa invece quella di Matera; in Puglia su sei Province se ne salvano solo tre: Bari, Foggia e Lecce, da accorpare Taranto, Brindisi e Barletta-Andria.

Infine in Calabria, su cinque Province, si salvano Cosenza, Reggio Calabria e Catanzaro; da accorpare Crotone e Vibo Valentia.

A queste sono da aggiungere le  Province nelle Regioni speciali: in Sicilia su nove ne rimarranno in vita solo quattro: Palermo, Agrigento, Catania e Messina. La scure si abbatterà su Caltanisetta Enna, Ragusa, Siracusa e Trapani.

In Sardegna una debacle: rimarrà solo la Provincia di Cagliari. Verranno eliminate le Province di Olbia Tempio, Medio, Ogliastra, Carbonia, Sassari, Nuoro, Oristano.

Infine in Friuli, su quattro Province iniziali, due rimangono in vita, Trieste e Udine, due vengono tagliate o meglio accorpate: Pordenone e Gorizia.



ARTICOLI CORRELATI:

ABOLIZIONE PROVINCE: MONTI CI RIPROVA, RISCHIANO DI SPARIRE PESCARA E TERAMO

L'AQUILA - Province di Pescara e Teramo a rischio cancellazione. Se dovesse passare il piano del governo anticipato in un articolo del Corriere della Sera pubblicato questa mattina i due enti potrebbero saltare, mentre sarebbero salve... (continua)

ACCORPAMENTO PROVINCE: SOSPIRI (PDL), ''CAPOLUOGO DEVE ESSERE PESCARA''

PESCARA - "Che si faccia la Provincia unica Chieti-Pescara-Teramo oppure senza Teramo, Pescara deve essere capoluogo". Lo afferma il consigliere regionale e comunale di Pescara Lorenzo Sospiri. “La manovra della spending review presentata quest’oggi ha ribadito il taglio... (continua)
20 luglio 2012 - 17:19 - © RIPRODUZIONE RISERVATA

NEWS
 
27.08.2014 COMUNE L'AQUILA: AL VIA ITER PER TAGLIARE GETTONI AGLI ASSENTEISTI
27.08.2014 SLITTA IL CONGRESSO DEL PD, E' SCONTRO: TEMPI STRETTI E PROCEDURA COMPLICATA
26.08.2014 BURGO: D'ALFONSO TACE; LOLLI , ''INCONTRO AL MISE A SETTEMBRE''
26.08.2014 NUOVI OSPEDALI: CHIODI, ''SARANNO REALTA' GRAZIE A MIO GOVERNO''
26.08.2014 SOPPRESSIONE TAR PESCARA: D'ALFONSO, '''AL COMUNE IL COSTO LOCALI''
27.08.2014 REGIONE ABRUZZO: SCOPPIA IL CASO-PREMI '10 IN PAGELLA' E SOLDI A TUTTI NEL 2013
26.08.2014 PESCARA: STANGATA FISCALE E FONDI SCIPPATI, SOSPIRI VS ALESSANDRINI
26.08.2014 L'AQUILA: MASCIOCCO, ''IO RIBELLE ANTI-CIALENTE? E' FANTAPOLITICA''
24.08.2014 L'AQUILA: CORTE D'APPELLO, PER CIALENTE ''NON E' A RISCHIO CHIUSURA''
23.08.2014 COMUNE LANCIANO: TAGLI TARIFFE E IMPOSTE PER 1 MILIONE DI EURO
notizie abruzzo
link Sponsorizzati

Velocitá Massima

Il brivido della velocitá pura

Non Vivo Scienza Te

Parliamo di Scienza con Loredana Sansone

BlueNote

Musica e dintorni

C come Blog

Passioni culinarie ed arte

CINEMATIK

Il cinema visto da dentro

C'ERA UNA VOLTA L'AQUILA

Tornare nel passato e rivivere emozioni uniche
SPECIALE
TERREMOTO E RICOSTRUZIONE
TERREMOTO E RICOSTRUZIONE, SPECIALE ABRUZZO
L'AQUILA CHE RIPARTE
TERREMOTO E RICOSTRUZIONE, L'AQUILA CHE RIPARTE
 
continua »
 
continua »
SOCIAL NETWORK
SERENA MENTE
  • Abruzzoweb sponsor
AbruzzoGreen
  MULTIMEDIA
Tutti i video »
  • Belle d'Abruzzo
  • Belle d'Abruzzo
  • Belle d'Abruzzo
  • Belle d'Abruzzo
  • Belle d'Abruzzo
  • Belle d'Abruzzo
  • Belle d'Abruzzo
iscriviti
Radio L'Aquila 1
Tour Progetto C.A.S.E.
Squadra Abruzzo
ALTRI CANALI
Elezioni
Elezioni Politiche 2013
Elezioni Regionali 2014
Primarie Pd L'Aquila 2014
INDICI DI BORSA
FTSE MIB Intraday
»   Ariete
»   Toro
»   Gemelli
»   Cancro
»   Leone
»   Vergine
»   Bilancia
»   Scorpione
»   Sagittario
»   Capricorno
»   Acquario
»   Pesci
FEEDS RSS
Feed Rss AbruzzoWeb
PERSONAGGI
 CONTATTA LA REDAZIONE 2003-2014 Enfasi srl
INFORMAZIONI COMMERCIALI .
Enfasi srl - Quotidiano digitale registrato presso il Tribunale dell'Aquila con decreto n°501 del 2 settembre 2003
Iscrizione al ROC n. 20485 - P.IVA 01812420667
Direttore responsabile Berardo Santilli
La redazione può essere contattata al tel 0862.442072/ fax 0862.760872

Alcune foto potrebbero essere prese dal Web e ritenute di dominio pubblico; i proprietari contrari alla pubblicazione potranno segnalarcelo contattando la redazione.
Powered by Digital Communication  -  Developed by MA-NO
 
X