''LA GRANDE GUERRA'' DI ERRICO CENTOFANTI,
AMORE E DELITTI SI INTRECCIANO ALLA STORIA

Pubblicazione: 09 giugno 2018 alle ore 09:00

Errico Centofanti
di

L’AQUILA - "Non volevo un romanzo storico in quanto tale, ma un libro avvincente per il lettore in cui a margine del primo conflitto mondiale ci fossero tratti misteriosi, la musica e anche l’amore".

Questo è il cuore del romanzo La Grande Guerra, ultimo lavoro del giornalista, scrittore e uomo di teatro Errico Centofanti, uscito nei giorni scorsi e presentato all’Aquila alla libreria Colacchi.

Centofanti è uno dei fondatori del Teatro stabile dell'Aquila, che ha diretto per vent'anni, da sempre un appassionato lettore e studioso della storia, quella storia contemporanea "che però nel mio libro vi appare solo a margine, ho preferito raccontare un folle amore, evocando il Bolero di Ravel e concentrandomi su un efferato delitto intorno al quale i due protagonisti si ritrovano a indagare per sbrogliare la matassa", speiga ad AbruzzoWeb.

Alla fine il risultato è un giallo variegato, ambientato in Abruzzo ma che tocca anche la Toscana, la Calabria e una lontanissima Cuba.

"Ne viene fuori un racconto pieno di sottostorie - rivela Centofanti - che possono incuriosire, appassionare il lettore e portarlo in un mondo lontano, diverso da quello attuale, ma comunque con tante somiglianze con ciò che ognuno di noi vive tutti i giorni".

Con alle spalle un'estesa esperienza come giornalista e come scrittore, l’autore si è soffermato intorno a un aspetto tra i meno affrontati dalla pur sterminata bibliografia dedicata a quella che è la prima catastrofe planetaria non causata da fenomeni naturali, "la capacità delle esperienze belliche di indurre, anche se non a non breve termine, pericolose turbe psichiche in persone usualmente catalogabili tra le individualità normali".

Centofanti è molto noto in città anche perché nel 2013 gli fu affidata la redazione del dossier con cui la città si candidò a Capitale europea della cultura.

"Quattro anni fa L’Aquila era una città che ancora aveva le ferite del terremoto molto aperte - ricorda - e il governo nazionale non volle impegnarsi nella spesa necessaria per sostenere la candidatura. Io penso che non ci fosse grande interesse. All’Italia toccherà di nuovo nel 2033: può darsi che qualcuno voglia riprovarci, speriamo!".

Una città "ancora terremotata 4 anni dopo", ma che per Centofanti, "aveva dei problemi anche prima del 6 aprile 2009, causati da una classe dirigente inadeguata. I danni peggiori sono quelli del post-sisma, che sono stati fatti dall’uomo, da chi ha preso le decisioni per noi, da chi ha speculato sulle nostre disgrazie, dalla notte del terremoto a oggi", conclude.



© RIPRODUZIONE RISERVATA


ALTRE NOTIZIE

 CONTATTA LA REDAZIONE 2003- 2018 Enfasi srl
INFORMAZIONI COMMERCIALI .
Enfasi srl - Quotidiano digitale registrato presso il Tribunale dell'Aquila con decreto n°501 del 2 settembre 2003
Iscrizione al ROC n. 26362 - P.IVA 01812420667
Direttore responsabile Berardo Santilli

La redazione può essere contattata al


Politica d'uso dei Cookies su AbruzzoWeb

Alcune foto potrebbero essere prese dal Web e ritenute di dominio pubblico; i proprietari contrari alla pubblicazione potranno segnalarcelo contattando la redazione.
Powered by Digital Communication  -  Developed by MA-NO
 
X

Questo sito utilizza dei cookie per monitorare e personalizzare l'esperienza di navigazione degli utenti. Continuando a navigare si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito.
Per avere più informazioni o modificare le impostazioni sui cookie clicca qui